Filiera olivo-olio

Radicondoli: Olivicoltura da reddito, prospettive per il futuro delle colline toscane

Se ne parlerà oggi pomeriggio dalle ore 16:00 a Radicondoli della corretta gestione degli oliveti fino alla produzione dell’olio con l’obiettivo di analizzare gli aspetti agronomici, fitosanitari, di meccanizzazione, economici e di qualità delle produzioni.
 
Dalla corretta gestione dei moderni oliveti fino alla produzione dell’olio con l’obiettivo di analizzare gli aspetti agronomici, fitosanitari, di meccanizzazione, economici e di qualità

Cia Pistoia presenta il vademecum per olivicoltori in difficoltà su obbligo registro telematico

La Confederazione italiana agricoltori di Pistoia ricorda che dal 1° luglio 2015 gli olivicoltori che vendono il proprio olio devono servirsi di un registro telematico attivato sul Sian. Cia ha preparato un piccolo vademecum e presto convocherà riunioni ad hoc. Agli iscritti si chiede di far sapere se intendono procedere da soli, come auspicato, o meno, e se hanno bisogno di ulteriori spiegazioni. L’obbligo di registro telematico per gli olivicoltori attivi in prima perso

Olio extravergine, Remaschi: garantire la toscanità

Un percorso di certificazione che informi il consumatore che l'olio d'oliva extravergine prodotto in Toscana è fatto con olive coltivate in Toscana. E' questa l'idea sulla quale l'assessore all'agricoltura della Regione intende mettere intorno ad un tavolo tutti i soggetti interessati per procedere in maniera condivisa. Lo ha detto lo stesso assessore a Firenze durante la presentazione dell'anteprima della produzione 2015 dell'olio extravergine di o

Olio 2015-16: dall’Oliveto al frantoi atteso aumento produttivo di quasi il 60%

Lo riferisce Ismea che evidenzia un buono stato degli impianti olivicoli nazionali  e ottime aspettative sulla resa e qualità del prodotto finale. Stimata una produzione di 350 mila tonnellate a fronte di 222 mila del 2014. In particolare, secondo Ismea, non ci sono poi  particolari problemi fitosanitari.    Archiviata una delle peggiori annate della storia per l’olivicoltura italiana, quella del 2015/16 si preannuncia una campagna decisamente mig

Xylella, Cia: inaccettabile decisione UE su vite, è urgente una soluzione definitiva

I danni per i nostri produttori sono già stati ingenti eppure i test di patogenicità hanno dimostrato definitivamente che il ceppo di Xylella Fastidiosa presente in Puglia non attacca la vite. Chiediamo al Ministro Martina che si attivi in Europa per risolvere definitivamente una situazione che si trascina orami da troppo tempo “La situazione relativa al blocco della commercializzazione delle piante di vite in Puglia a causa della Xylella fastidiosa è giunta all