Filiera olivo-olio

Il rilancio della filiera oliveti - olio, primo simbolo della Toscana

L’assessore Remaschi, nel convegno di ieri all’Istituto agrario di Pescia, ha ribadito la volontà della Regione Toscana di investire nella filiera olivicoltura-olio come si fece col vino, che adesso vale il 16,7% del totale nazionale. La Toscana produce solo il 3% dell’olio italiano, ma ha il 35% della produzione certificata e c’è una domanda 3 volte superiore all’offerta di produzioni agroalimentari toscane di qualità. Il sindaco Giurlani

Toscana libera da Xylella

Un decreto firmato dal ministro per le Politiche Agricole e Forestali, Maurizio Martina, stabilisce quali sono le aree a rischio per il dannoso batterio Xylella Fastidiosa, che negli ultimi mesi ha creato disagi alle coltivazioni di ulivi, specialmente nel Sud Italia. Tra le zone al sicuro dall’infezione c’è proprio la Toscana che risulta totalmente indenne. Coldiretti esulta per la notizia e commenta così la notizia: “Un atto che fa chiarezza e che porr&agr

Approvato schema D.M. per aree indenni da Xylella

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che la Conferenza Stato Regioni ha approvato lo schema di decreto ministeriale per l’istituzione dell'Area indenne da Xylella per tutto il territorio nazionale, compreso la Regione Puglia ad eccezione della zona delimitata e della zona di sorveglianza definite ai sensi della decisione di esecuzione 2015/789/UE della Commissione. Il provvedimento si basa sulle evidenze emerse da oltre 17.186 controlli e 13.76

A extraLucca, fra le star della cucina, la guida ‘Terred’Olio’ e le corone ‘Mastrod’Olio’ 2016

Dal 13 al 14 febbraio al Palazzo Ducale la quarta edizione della mostra mercato extraLucca, con 50 produttori d’olio d’oliva extravergine di qualità. Ma anche extraFood e cinque stelle del mangiar bene: Leonardo Di Carlo, Cristina Bowerman, Terry Giacomello, Giorgio Barchiesi, Sara Farnetti. Il 12 febbraio al Teatro del Giglio serata di gala con l’assegnazione delle Corone ‘Mastrod’Olio 2016’, più tre menzioni speciali (due in Toscana e una

Oliveto Italia: Ismea prevede +70% raccolto 2016 e riduzione import Tunisia

Nel 2015 sono aumentate di 5 volte in quantità le importazioni italiane di olio d’oliva da Grecia e Tunisia e del 200% dal Marocco, a parziale compensazione del quasi dimezzamento dell’import dalla Spagna. Ma il totale è diminuito dell’8% in quantità, nonostante il balzo del +37% in valore, dovuto a un netto aumento del prezzo medio. In arrivo un’inversione di tendenza con ritorno alla normalità nel 2016: l’oliveto Italia produrr&agr