Arte Verde

Visite: 472

Jeff Koons: l'artista più pagato al mondo

“Ci sono così tanti aspetti strani e sconcertanti di Jeff Koons, della sua arte e della sua carriera che è difficile sapere come affrontarlo”.Jeff Koons nasce nel 1955 a York, in Pennsylvania. Si forma presso l’Art Institute di Chicago e il Maryland Institute College of Art dove conclude gli studi nel 1976. Nel 1977 si trasferisce a New York dove inizia a lavorare al Museum of Modern Art, facendosi conoscere per i suoi vestiti e i capelli stravaganti, oltre che per la sua impressionante
Visite: 672

Agnes Denes, l’investigatrice

Nata nel 1931 a Budapest (Ungheria), Agnes Denes è cresciuta in Svezia e ha studiato negli Stati Uniti. Dall'inizio della sua carriera espositiva negli anni '60, ha partecipato a più di 450 mostre in gallerie e musei di tutto il mondo.Una figura primaria tra gli artisti concettuali emersi negli anni '60 e '70, Agnes Denes è conosciuta a livello internazionale per le opere create con un'ampia gamma di mezzi. Pioniera di diversi movimenti artistici, è difficile da classificare. Investigando la
Visite: 684

Gli abissi green di Jason deCaires Taylor

Jason deCaires Taylor crea installazioni scultoree dinamiche subacquee per sensibilizzare le persone sul tema della conservazione degli oceani ed i pericoli del cambiamento climatico. Realizza le sue opere in cemento marino, combinando le tradizioni della Land Art con la sensibilità della Street Art. Crea opere in continua evoluzione, piene di sorpresa, compassione e arguzia. In installazioni come "Silent Evolution", deCaires Taylor trasforma i ritratti statuari delle comunità locali in barrie
Visite: 2516

Radicalism in the Wilderness

Gi anni ’60 sono stati un momento vivace della scena artistica giapponese, infatti in questo periodo si formarono due collettivi significativi: GUN (Group Ultra Niigata) e The Play."Wilderness”, parola inglese che si può tradurre come "terra selvaggia”, fa immediatamente riferimento al mondo naturale, dove questi artisti si sono esibiti e hanno impostato molte delle loro installazioni. In questo decennio di rifacimento politico e ripresa postbellica, questi artisti "fuori dalla sede del p
Visite: 1644

Ci lascia “L’uomo verde”: Lois Weinberger

Ci ha lasciato martedì 21 aprile 2020 all’età di 72 anni Lois Weimberger. Era definito “l’uomo verde” colui che non voleva creare un sistema ma voleva fare un mondo. L'artista Lois Weinberger occupava una posizione speciale sulla scena artistica: operava come interfaccia tra arte e natura, opponendosi al concetto di bellezza con sottili mezzi anarchici. Si considerava un ricercatore sul campo. Dagli anni '70, nelle zone rurali, realizzò opere utilizzando gli scarti della civiltà. Suc