Vivai Rosellini Gabriele a Myplant: olivi Xylella free, agrumi e mimose in ascesa

Visite: 11632

Intervista a Gabriele Rosellini, proprietario dell’azienda florovivaistica di Pescia rinomata per gli agrumi e gli olivi Xylella free, a Myplant & Garden 2018 (Padiglione 20, stand K14). Rosellini: «sono tutte piante pronte per il consumatore finale e gli olivi dai 7 ai 10 anni, un tempo considerati solo ornamentali, son già a posto per la produzione». Da segnalare i classici limoni col cerchio toscani, gli aranci e le mimose.

Alla seconda partecipazione a Myplant & Garden, pure la giovane azienda florovivaistica di Pescia “Vivai Rosellini – agrumi e olivi di Toscana” di Gabriele Rosellini si fa notare fra gli espositori provenienti dalla Toscana per la qualità delle piante e lo slancio creativo dello stand, grazie ai vasi rialzati che propongono le belle piante al visitatore quasi fossero in ascensione verso il cielo.
Il vivaio di Gabriele Rossellini, che è membro del Comitato tecnico dell’associazione Vivai di Pescia, di cui fa parte la sua azienda, ha nella “eccellenza sostenibile” delle sue produzioni uno dei punti di forza. I suoi 2 ettari e mezzo di coltivazioni sono articolati in un’area in campo aperto e in 4 mila metri quadrati di serre, una parte delle quali alimentate con impianti fotovoltaici di ultima generazione. Inoltre viene praticata l’irrigazione goccia a goccia (vedi nostro servizio dell’anno scorso).
Floraviva ha sentito Gabriele Rosellini ieri, prima giornata del salone milanese dedicato alla filiera del verde, nel suo stand K14 del Padiglione 20 di Fiera Milano chiedendogli di descrivere i prodotti portati quest’anno in esposizione, così come eventuali novità aziendali dell’ultimo anno.
C’è qualche novità da segnalare nella sua azienda rispetto a un anno fa, momento del debutto a Myplant & Garden?
«No, andiamo avanti facendo tesoro della memoria storica dell’azienda e continuando a produrre le piante che da tradizione sono i nostri cavalli di battaglia; anche se con sempre maggiore attenzione alle esigenze dell’eco-sostenibilità e alle innovazioni scientifiche. Ma da quest’anno abbiamo aggiunto un qualcosa in più per il consumatore finale…».
… che cosa?
«Riportiamo sulle etichette di tutte le piante che vendiamo la dicitura “Marchio Xylella free”, indicazione molto importante, anche perché fa riferimento all’esito di controlli molto rigorosi effettuati dall’Arpat (Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana)».
Si riferisce agli olivi o anche alle altre piante in esposizione?
«Soprattutto agli olivi per il caso della Xylella, ma sono stati effettuati controlli su tutte le piante, quindi anche per le mimose e le piante di agrumi».
Quali sono le tipologie di olivi che avete portato qua in fiera quest’anno?
«Abbiamo portato soprattutto piante di olivo da vivaio, olivi da impianto, quindi piantine di 2 o 3 anni (in vasi che vanno da 15 a 24/26 cm). Però questa volta presentiamo in esposizione anche i classici olivi da ornamento, o meglio che fino a qualche tempo fa venivano considerati da ornamento e che invece da un paio di anni stiamo vendendo anche come olivi da impianto».
Questi quanti anni hanno?
«Sono piante che vanno dai 7/8 fino ai 10 anni (in vasi mastello che vanno dal 35 cm al 50 e al 70) e si tratta di piante già vigorose e pronte per la produzione».
Quindi non sono solo ornamentali?
«Esatto, non sono solo ornamentali, ma chi volesse avere già una pianta che entra in pieno sviluppo, pronta per la produzione, nel giro di un paio d’anni dovrebbe sicuramente puntare su queste piante».
Quali sono le vostre varietà di olivi?
«Sono molte, in particolare: Leccio, Frantoio, Pendolino, Maurino, Moraiolo, Leccio del Corno».
Oltre agli olivi, quali altre tipologie di piante avete portato?
«Le mimose, come anche l’anno scorso, visto che ormai ci avviciniamo alla festa della donna: la mimosa, fiore che col suo colore giallo dona anche allegria allo stand. Diciamo che è un’altra coltivazione storica della nostra azienda, ma più in generale di Pescia».
In che misure le presentate?
«Le misure più piccoline: si va da un vasino di 16 cm fino a piante in vaso 20, che sono già di due anni».
E poi vedo molti agrumi.
«Sì abbiamo una buona selezione di agrumi, soprattutto nelle misure più piccoline, fra cui, in particolare, il classico limone con il cerchio, che è una pianta toscana per eccellenza. Si parte da un vaso 24 cm per una misura di 90 cm, fino a vasi di 40 cm per piante di 1 metro e mezzo; e poi alberelli».
Quali agrumi?
«Sia limoni che aranci».
Una pianta che non c’era l’anno scorso?
«Il Kumquat, cioè il mandarino giapponese, che avevamo già in produzione ma portiamo solo quest’anno per farlo apprezzare meglio. Comunque in generale si tratta di piante tutte pronte per la vendita al consumatore finale, che sicuramente garantiranno un bel colpo d’occhio nei garden center».

Per ulteriori informazioni: http://www.vivairosellini.com.

Floraviva