Manutentori del verde: la filiera insiste per lo sblocco delle attività

in Servizi
Visite: 3620

Ieri nuova lettera a ministri e regioni per lo sblocco delle attività dei manutentori del verde da Confagricoltura, Assoverde, Aigp e AmiaVerona Spa: primo destinatario il ministro dello Sviluppo economico Patuanelli. Chiesto provvedimento urgente del Governo che sblocchi le attività codice Ateco 81.30 spazzando via i dubbi interpretativi legati alle (parziali) aperture di Lombardia e Veneto. Intanto anche Aipv si è espressa sulla necessità di eliminare a livello nazionale il divieto di manutenzione del verde pubblico e privato, nel contesto di una serie di istanze di parte della filiera florovivaistica, fra cui l’allungamento da 6 a 15 anni dei tempi di rientro dei finanziamenti del Decreto liquidità. 


I manutentori del verde italiani insistono a chiedere lo sblocco delle attività codice Ateco 81.30 (Cura e manutenzione del paesaggio) ribadendo l’assenza di rischio di contagio da Coronavirus nelle modalità di svolgimento del loro lavoro e la necessità di manutenzione del patrimonio verde pubblico e privato anche al fine di garantire l’incolumità dei cittadini. Confagricoltura, Assoverde, Associazione italiana giardinieri professionisti (Aigp) e AmiaVerona SpA hanno inviato ieri in forma congiunta una lettera in cui sono tornate a chiedere, dopo la petizione del 3 aprile (vedi) e altre missive precedenti, di «sbloccare urgentemente, con un provvedimento del Governo, le attività 81.30 su tutto il territorio nazionale» e di «fare chiarezza su tutte le difficoltà interpretative che emergono dagli attuali provvedimenti, rispetto alle concrete possibilità e alle modalità di intervento, sia nei lavori pubblici che negli interventi privati di manutenzione del verde» (il riferimento è in particolare ad alcune ordinanze delle regioni Lombardia e Veneto in rapporto anche agli ultimi decreti del presidente del consiglio contenenti le misure restrittive per l’emergenza Covid-19). 
Nella lettera, che ha come primo destinatario il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli ma è inviata per conoscenza anche agli altri ministri a cui è stata indirizzata la petizione e a tutti i presidenti di regione, tale doppia richiesta è accompagnata come terzo e conclusivo punto dalla sottolineatura delle «condizioni di sostanziale sicurezza» e di «pieno rispetto delle norme che gli operatori della manutenzione del verde possono garantire, rispetto alle specificità e alle caratteristiche del lavoro che svolgono». 
Nel frattempo oggi, in mattinata, l’Associazione italiana professionisti del verde (Aipv) ha diffuso una nota con il punto della situazione a seguito di una video conferenza a cui hanno partecipato, oltre ad Aipv, alcune associazioni della filiera del verde italiana, quali Associazione nazionale vivaisti esportatori (Anve), Associazione nazionale arboricoltori su fune (Anaf), Florveneto, Milazzo Flora, Asproflor, Aflovit e Florasi. In tale nota si esprime innanzi tutto un giudizio positivo sui comunicati del Ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova e del sottosegretario Giuseppe L’Abbate che «hanno confermato l’accessibilità alle misure del Decreto Liquidità anche alle aziende agricole», ma si definiscono «inadeguati i tempi di rientro dei finanziamenti stabiliti in sei anni, periodo estremamente corto rispetto a ciò che un'azienda agricola può sostenere ovvero un periodo di almeno 15 anni». Inoltre, passando alla questione della riapertura dei punti vendita al dettaglio, si chiede un sostegno «uniforme a livello a nazionale» e riguardo alle «attività di manutenzione del verde pubblico e privato» si giudica «necessario eliminare il divieto esistente a livello nazionale».

Lorenzo Sandiford