Ad Anve la realizzazione di spazi verdi nel quartiere fieristico di Parma

in Servizi
Visite: 2220

anve2myplant

L’Associazione nazionale vivaisti esportatori ha presentato a Myplant & Garden a Milano le attività svolte nel 2016 e le iniziative del 2017. Anve darà supporto operativo alle sperimentazioni del progetto europeo XF-ACTORS sulla Xylella fastidiosa (7 milioni di euro). Sul portale Phytoweb si troveranno anche le informazioni per la movimentazione di merci intraeuropea.   

Il nuovo annuario presentato all’ultima edizione di Ipm Essen, la collaborazione con l’Expo internazionale di settore su rigenerazione e agricoltura urbana a Bologna nel 2019 (vedi), la partecipazione in due progetti Horizon 2020 della Commissione europea sui fitopatogeni e in particolare la Xylella fastidiosa, il contributo alla proposta che il Servizio fitosanitario italiano farà a quello turco per facilitare l’export di piante verso la Turchia, la designazione nel nuovo Gruppo di lavoro sulle barriere fitosanitarie istituito presso il Ministero delle politiche agricole (Mipaaf), le novità del portale www.phytoweb.it, l’incarico riguardante spazi verdi di Fiere di Parma spa e le imminenti prime certificazioni a marchio VivaiFiori.
Sono questi gli argomenti affrontati durante la conferenza stampa tenuta il 22 febbraio, presso il salone internazionale del verde di Milano Myplant & Garden, da Anve, l’Associazione nazionale vivaisti esportatori, che ha presentato per bocca del presidente Marco Cappellini le attività svolte nel 2016, i progetti in corso nel 2017 e i nuovi numeri, cresciuti, dell’associazione: «una base sociale complessiva di 76 aziende, provenienti da tutta Italia» e «16 nuovi accordi con soci sostenitori e partner».
«La fiera di Parma, attraverso il suo amministratore delegato Antonio Cellie, – ha tra l’altro annunciato Marco Cappellini – ha incaricato l’Anve di progettare e realizzare nei 44 ettari del quartiere fieristico tre aree a verde per poi eventualmente seguire la fornitura delle piante e la loro manutenzione. Dal punto di vista della capacità della nostra associazione di generare opportunità di business per i soci è un ulteriore passettino in avanti». Anve dovrà innanzi tutto presentare al committente, Società Fiere di Parma spa, tre proposte progettuali. A tal fine sono state coinvolte tutte le aziende vivaistiche associate e sono già stati individuati i progettisti che presenteranno le proposte. Entro l'estate arriverà il progetto esecutivo ed inizieranno i lavori di restauro a verde.
Nell’ambito della ricerca scientifica riguardante il vivaismo, Anve è entrata a far parte del Comitato dei portatori di interesse di due progetti internazionali finanziati dal Programma Horizon 2020 della Commissione Europea. Si tratta dei progetti denominati XF-ACTORS “Xylella Fastidiosa Active Containment Through a multidisciplinary-Oriented Research Strategy" e POnTE “Pest Organisms Thareatening Europe”, che intendono sviluppare programmi multidisciplinari in risposta al bisogno urgente di migliorare la prevenzione, l’individuazione precoce e il controllo dei fitopatogeni, e in particolare della Xylella fastidiosa. L’obiettivo è sviluppare una strategia globale per la gestione integrata delle gravi malattie vegetali, con l’intento di prevenirne la diffusione e ridurne l’impatto economico, sociale ed ambientale. I partenariati coinvolgono una rete professionale mondiale che comprende i più eccellenti centri di ricerca, le associazioni di categoria e, per il settore produttivo del vivaismo ornamentale italiano, Anve, che, come ha precisato il segretario Edoardo Sciutti, è stata contattata dal Cnr di Bari. «XF-ACTORS – ha spiegato Sciutti - è un progetto specifico per la Xylella fastidiosa con un finanziamento di 6,9 milioni di euro a cui partecipano 29 partner europei ed extraeuropei. Il progetto POnTE, che è stato ammesso a finanziamento un annetto fa riguarda diverse fitopatologie, fra cui anche la Xylella». Anve fornirà un supporto operativo ai due progetti soprattutto per le sperimentazioni nei vivai.
Sempre per svolgere assistenza e tutela in campo fitosanitario, Anve ha partecipato all'incontro preliminare tenutosi al Mipaaf con il Servizio fitosanitario nazionale per predisporre la proposta da condividere con il Servizio fitosanitario turco ai sensi del “Memorandum di intesa di cooperazione fitosanitaria” siglato nel 2015 tra Italia e Turchia. La proposta sarà utile ad avere migliori condizioni legislative per esportare in Turchia. Inoltre Anve è stata designata dal Tavolo tecnico del settore florovivaistico a partecipare al Gruppo di lavoro Barriere fitosanitarie costituito dal Mipaaf.
Sul lato esportazione è adesso pienamente operativo il portale www.phytoweb.it, che contiene tutte le informazioni necessarie per accedere ai mercati dei Paesi terzi. E’ in corso il caricamento nel portale delle informazioni contenute nel Dleg 214/2005 per la movimentazione interna, in Italia e in Unione Europea. «Questo portale, che è stato approvato e finanziato da Mise e Ice – ha detto Marco Cappelliniè diventato uno strumento davvero importante e utile, perché ci può entrare qualsiasi azienda interessata a esportare nei Paesi extraeuropei e trovarvi tutte le informazioni che servono interrogandolo in vari modi. Ad esempio partendo dal nome della pianta oppure della malattia ecc.». «Alcuni associati dell’Ena (l’organismo che rappresenta in Europa le organizzazioni di vivaisti, ndr) – ha concluso Cappellinici hanno chiesto se possono veicolare all’estero questo portale, ovviamente traducendolo e adattandolo alle esigenze di altri Paesi, perché non hanno un portale del genere».
 
Lorenzo Sandiford