Il vivaista

Visite: 7520

Ripersiella hibisci, chi è la cocciniglia che può minacciare le ornamentali

Un comunicato stampa delle autorità svizzere, rilanciato dai media italiani, ha segnalato un’introduzione accidentale di Ripersiella hibisci dall'Italia, descrivendo il parassita come mai documentato in Europa. Ma in realtà questa cocciniglia è già nota da più di 10 anni nel vecchio continente e sorvegliata dai servizi fitosanitari comunitari. Bene quindi l'attenzione, ma gli allarmismi sono da evitare. C'è una cocciniglia che in questi giorni sta facendo parlare di sé. Si chiama Riper
Visite: 2216

Conti in ordine per AVI, ma i vivaisti del distretto attendono i fondi del Pid

All’assemblea dei soci dell’Associazione Vivaisti Italiani (AVI), soggetto referente del Distretto vivaistico pistoiese, tenutasi ieri al Circolo di Masiano (Pistoia), sono stati approvati all’unanimità bilancio e nuovo Consiglio direttivo. Interventi del sindaco di Pistoia e di alcuni assessori regionali. Il presidente di AVI Magazzini ha letto un messaggio dell’assessora regionale all’agricoltura Saccardi, per la quale gli investimenti «in aree verdi» sono «interventi strutturali
Andrea Zelari e Sandro Orlandini
Visite: 3520

Cia e Confagricoltura soddisfatte per la guida del distretto vivaistico a Ferrini

Sia il presidente di Cia Toscana Centro Sandro Orlandini, che l’ha proposto, sia il presidente di Confagricoltura Pistoia Andrea Zelari, che è un importante vivaista del Distretto vivaistico pistoiese, hanno espresso piena soddisfazione per l’elezione del prof. Ferrini alla presidenza del Distretto. Reazioni molto positive da parte di due delle associazioni di categoria agricole competenti sul territorio pistoiese alla elezione di Francesco Ferrini, professore di “Arboricoltura generale
Visite: 2104

Il neo presidente del Distretto di Pistoia Ferrini: vendere le piante è come vendere medicine

Le prime dichiarazioni del prof. Francesco Ferrini dopo l’elezione di oggi alla presidenza del Distretto vivaistico ornamentale di Pistoia. Ferrini ha detto che si impegnerà a rappresentare tutti e ad ampliare il dialogo con le istituzioni anche di livello nazionale ed europeo. E ai vivaisti ha ricordato che «vendere una pianta è come vendere una medicina biologica, a impatto zero, con tutta una serie di benefici diretti e indiretti per la vita dell'uomo». Prioritario aumentare g
florovivaismo vivaismo floricoltura
Visite: 1560

Audizione di Confagricoltura sul florovivaismo al Senato: le richieste

Tra le istanze di Confagricoltura intorno al ddl sul florovivaismo, la previsione di una differenziazione nel Piano di settore fra vivaismo e floricoltura, l’autorizzazione di distretti solo in aree davvero vocate, evitare la proliferazione di marchi senza una valutazione dell’impatto su quelli esistenti. Giansanti: i risultati ottenuti dal settore durante la pandemia frutto della collaborazione di tutti. Il valore alla produzione del florovivaismo italiano è di 2,6 miliardi di euro e la bi