Tanti dati e idee commerciali ad AgrieTour, che apre Agri@api

in Notizie
Visite: 4532

AgrieTour Arezzo Fiere salone nazionale dell'agriturismo

La XI edizione di AgrieTour, il salone nazionale dell’agriturismo, ad Arezzo Fiere dal 12 al 14 ottobre, coinvolge tutti i maggiori protagonisti del settore, a cominciare da Agriturist, Terranostra, Turismo Verde. Tra le novità, il focus sull’apicoltura con la nascita di Agri@api, che si affianca ad AgrieTour Bimbi (fattorie didattiche), e una finestra sui «Patrimoni Gastronomici di Lucca e Pistoia».

Dal doppio appuntamento a cura dell’Osservatorio nazionale dell’agriturismo nella giornata inaugurale, in cui verranno illustrati lo «stato dell’agriturismo in Italia» e i «mercati emergenti dell’agriturismo nel mondo», ai due incontri della giornata finale sui consumatori e nei media. Nel mezzo tutto ciò che riguarda il turismo rurale, sia nell’ottica degli addetti ai lavori che in quella dei turisti consapevoli: padiglioni dedicati agli agriturismi regionali, alle imprese del settore e dintorni, workshop internazionali a carattere economico con buyers provenienti da varie parti del mondo, seminari tematici, premi di vario genere ed eventi enogastronomici.
Con l’undicesima edizione di AgrieTour, il salone nazionale dell’agriturismo, per tre giorni, da venerdì 12 ottobre a domenica 14, Arezzo sarà la capitale del turismo in campagna italiano e non solo, ed accoglierà nel suo centro fieristico tutti i maggiori protagonisti del settore: Agriturist di Confagricoltura, Terranostra di Coldiretti e Turismo Verde di Cia in primis, con i loro convegni su rispettivamente “Cementificazione e uso del suolo”, “Percorsi e modelli di successo dell’agriturismo italiano”, e “Agriturismo e fiscalità: gabelle infinite”. Un’occasione ghiotta per coloro che vorranno approfondire le conoscenze su un mondo fatto di tradizione e cultura, di rispetto per il verde e di tempo libero, ma che è anche ormai un fenomeno di massa, che muove circa mille milioni di euro l’anno e coinvolge quasi 20mila strutture sparse in tutte le regioni italiane.
Opportunità che Lucca e Pistoia colgono organizzando il 12 mattina, alle 11,30 nella sala C di Arezzo Fiere e congressi, una “Presentazione delle tradizioni enogastronomiche” delle due città a cura delle rispettive camere di commercio: un incontro durante il quale sarà proiettato il documentario “Ambasciatori del Gusto: i Patrimoni Gastronomici di Lucca e Pistoia, «un viaggio virtuale fra storia, territorio, prodotti e piatti tipici».
Ma la maggiore novità dell’edizione 2012 è il battesimo di Agri@api, «il focus espositivo dedicato ad un settore complementare all’agriturismo e quanto mai attuale: l’apicoltura». Agri@api si propone come appuntamento annuale per gli apicoltori «che ricercano tutte le possibili soluzioni tecniche ed operative per l'allevamento e la cura delle api, la produzione, la trasformazione e il confezionamento dei prodotti dell'alveare». Organizzato in collaborazione con l’Associazione Apicoltori delle province toscane, è strutturato con una sezione didattica e conoscitiva, un cooking show, un programma convegnistico che tratterà alla presenza dei più importanti esperti nazionali i temi legislativi e della lotta alla varroa, una sezione assaggio-degustazione, e la mostra mercato di prodotti dell’apicoltura e le tecnologie e i macchinari per la produzione apistica.
All’interno del Salone troveranno anche questa volta spazio le fattorie didattiche. Prosegue infatti, per il terzo anno consecutivo “AgrieTour Bimbi”, un intero padiglione dedicato alla scoperta della campagna da parte dei più piccoli. Fra le iniziative da segnalare in questo ambito, oltre al convegno nazionale “Dagli albi alla rete: verso la costituzione di un sistema nazionale delle fattorie didattiche”, i seminari “La comunicazione esterna e interna alla fattoria didattica: dal web ai format ludici”, “Un viaggio fra le fattorie didattiche italiane” e “Le fattorie didattiche come contesto di apprendimento”, nonché un workshop sull’incontro tra domanda e offerta nel comparto.
Vestirà poi un ruolo centrale all’interno di questa edizione di AgrieTour il seminario sulle strategie di comunicazione, in cui si cercherà di focalizzare gli strumenti e i messaggi più idonei al raggiungimento di un’adesione positiva del prodotto sul mercato, approfondendo il modo in cui l’agriturismo viene comunicato e cosa viene percepito dal mercato dei consumatori. «È evidente – ha affermato Raul Barbieri, direttore di Arezzo Fiere e congressi - che l’aspetto comunicazione sia determinante per la corretta veicolazione del messaggio agriturismo ed è per questo motivo che abbiamo deciso di approfittare di Agritour, momento nel quale si incontrano tutte le figure operanti nella filiera, per fare il punto su questo aspetto. E come prima concreta azione mirata in tal senso, abbiamo deciso di invitare dieci giornalisti internazionali selezionati sulla base della rispondenza tra i loro interessi professionali e la nostra offerta, per far vivere loro l’esperienza agriturismo italiano a tutto tondo, affidandoli ad aziende e professionisti in grado di trasmettere un messaggio in modo corretto e costruttivo».
Ampio risalto avrà infine l’enogastronomia, con il Campionato della Cucina Contadina, dove una giuria selezionata di giornalisti del settore giudicherà il piatto migliore in una sfida che vedrà impegnati cuochi di strutture provenienti da tutte le regioni italiane con ricette della tradizione. Ed è prevista un’intera giornata (sabato 13 ottobre) dedicata alla miniaturizzazione delle tecnologie per la trasformazione dei prodotti agroalimentari, tema congeniale alle piccole produzioni tipiche di un agriturismo.
Per ulteriori informazioni sugli eventi in calendario, ecco il link al programma della manifestazione.

L. S.