Nel “Poinsettia Day” Asproflor annuncia un lieve aumento delle vendite di stelle di Natale

in Notizie
Visite: 1240

L’Associazione di florovivaisti Asproflor, nel ricordare che il 12 dicembre è il “Giorno della Poinsettia”, comunica che in Italia sono più di 18 milioni le stelle di Natale vendute nelle feste del 2017, in lieve aumento rispetto al 2016. I prezzi variano da 2 a 25 euro, ma alcune piante speciali arrivano a 100/140 euro. Vanno anche i colori alternativi al tipico rosso. Alcuni consigli per il mantenimento delle poinsettie.

«Nel calendario non convenzionale delle festività il 12 dicembre è indicato come il “Giorno della Poinsettia”. In particolare negli Stati Uniti, il cosiddetto “Poinsettia Day” viene celebrato già dal 1852. Anche in Italia e in altri Paesi europei, la giornata dedicata al noto fiore invernale sta guadagnando seguaci». E questo crescente interesse è un bene per il nostro florovivaismo, visto «il ruolo importante di questa pianta nelle produzioni» italiane.
A sostenerlo è l’associazione di florovivaisti Asproflor con una nota in cui comunica alcuni dati sulle vendite in Italia di poinsettie o stelle di Natale, le piante protagoniste nelle nostre case nel periodo natalizio accanto agli alberi. Durante queste festività, fa sapere Asproflor, le piante di Poinsettia prodotte e vendute sono stimate in oltre 18 milioni e «i prezzi, considerate le moltissime pezzature, che vanno dal vasetto micro di 6 cm al 14/18 cm e più, partono dai 2/2,50 a 10/25 €. Per arrivare fino ai 100/140 € per forme particolari ad alberetto o a piramide».
I produttori di Asproflor «rilevano che le vendite sono in leggero aumento rispetto allo scorso anno e che al tipico colore rosso si sono aggiunti il bianco, il salmone, l’arancione, il burgundy, il rosa, il bianco e rosa, il rosso puntinato ecc.». Inoltre invitano ad acquistare poinsettie prodotte in Italia, per avere una buona e lunga fioritura, dal momento che «la stella di Natale è una pianta molto sensibile al freddo e mal sopporta i lunghi viaggi».
Un modo anche per sostenere un settore quale il florovivaismo che «in Italia conta 25.000 aziende attive nella produzione di fiori e piante che generano un fatturato di 1 miliardo e 800 milioni di euro», produzione che «avviene su una superficie di circa 30mila ettari, impiegando circa 120mila unità produttive»; mentre «l’intero indotto […], che è di 47.400 aziende, sviluppa un fatturato di circa 4 miliardi di euro rappresentando oltre il 6% della Plv agricola». Un settore che, sottolinea Asproflor, non solo è in grado nello specifico di soddisfare pienamente la domanda interna di stelle di Natale, ma che in generale, grazie a un export di piante che vale 690 milioni di euro, genera un saldo attivo fra import ed export di 180 milioni, nonostante la crisi e nonostante che importiamo 320 milioni di euro di piante solo dall’Olanda e 190 milioni da altri Paesi.
Le origini del nome Poinsettia

Il “Giorno della Poinsettia” coincide con la commemorazione della morte del primo ambasciatore americano in Messico e grande appassionato di piante, Joel Roberts Poinsett. Nel 1828 Poinsett scoprì la poinsettia selvatica in Messico e fu talmente affascinato dalla sua bellezza che la importò negli Stati Uniti e la battezzò con il suo nome. Il nome Poinsettia venne utilizzato anche in lingua tedesca e in breve tempo la pianta dalle prominenti brattee rosse si diffuse in tutto il continente.
Consigli di Asproflor per il mantenimento delle stelle di Natale
Tenere la pianta al caldo e in ambiente luminoso, concimarla con prodotti a base di potassio e fosforo ogni 15 giorni per tutto il periodo delle vegetazione, innaffiarla con moderazione. In primavera, quando ha posato le foglie, va potata e rinvasata con terriccio soffice e drenante, tenuta all’esterno per tutta l’estate e ritirata a fine settembre in un locale caldo e con luminosità naturale, condizione questa fondamentale per riottenere una stupenda fioritura.

Redazione