Il Maremmano Marco Neri alla guida di Confagricoltura Toscana

in Notizie
Visite: 780

Marco Neri, classe '55, è il nuovo presidente di Confagricoltura Toscana e guiderà l'associazione per i prossimi 3 anni. Neri indica subito le priorità della sua azione: portare al centro del dibattito le esigenze dei territori periferici, sburocratizzazione, difesa del patrimonio agroalimentare toscano dalla guerra sui dazi usa.

Marco Neri, è titolare dell'azienda San Ottaviano di Monterotondo Marittimo, e lo scorso 2 luglio è diventato  il nuovo presidente di Confagricoltura Toscana, l'associazione di categoria che riunisce 6 mila imprenditori agricoli toscani. Neri, che subentra a Francesco Miari Fulcis, è stato eletto all'unanimità dall'assemblea dei soci della Federazione regionale degli agricoltori della Toscana che si è svolta questa mattina a Castiglione della Pescaia alla presenza del Direttore Generale Francesco Postorino: il suo mandato alla guida del "sindacato" degli imprenditori agricoli toscani durerà tre anni.Giuseppe Bicocchi e Luca Giannozzi sono invece stati eletti vicepresidenti ed è stato confermato il collegio sindacale. Neri ha da subito chiari gli obbiettivi di Confagricoltura Toscana per il suo mandato: portare le esigenze dei territori periferici al centro del processo decisionale; combattere la burocrazia; difendere l'enorme patrimonio agroalimentare toscano dalla guerra dei dazi scatenata dal presidente Usa Donald Trump sui mercati internazionali. "Serve un collegamento stretto fra la provincia e la regione affinché le istanze dei territori vengano portate nelle sedi istituzionali con forza e vigore - ha detto il neopresidente di Confagricoltura Toscana - Soltanto così, con un'azione sindacale che parte dal basso, potremo arrivare ad ottenere risultati concreti nell'interesse dei nostri associati". "Lavoreremo per snellire la burocrazia della quale gli agricoltori sono vittime e per ridurne i costi" ha aggiunto Marco Neri, che ha poi allargato lo sguardo alle questioni internazionali che pesano sulla testa degli imprenditori agricoli toscani: "L'Italia ha il primato europeo delle specialità Dop/Igp che sono 297, dei vini Doc/Docg che sono 415 e delle aziende biologiche che sono 60 mila: una posizione di leadership continentale nella quale la Toscana fa la parte del leone. Il valore dell'agricoltura toscana è molto significativo sia in termini di contributo alla crescita, all'occupazione e all'imprenditorialità giovanile che in termini di apporto alla notorietà del Made in Italy nel mondo". "Ma il nostro comparto è pesantemente minacciato: proprio oggi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha proposto di allungare ulteriormente la lista dei prodotti agroalimentari italiani che saranno colpiti dai dazi commerciali come ritorsione per i sussidi europei ad Airbus, il consorzio europeo dell'aviazione. Gli agricoltori toscani non possono rimanere stritolati in questa morsa: chiediamo con forza alle autorità nazionali e comunitarie di adoperarsi perché questa assurda guerra commerciale si fermi".

Nato a Follonica il 25 agosto 1955, Marco Neri è laureato in giurisprudenza e ha due figli, Giulio e Francesco, che lavorano nelle aziende di famiglia sotto la supervisione del padre. Neri ha iniziato a lavorare in un'azienda di famiglia a San Vincenzo (Livorno) nel 1978 quando era ancora studente, impegnandosi nella coltivazione di olivi e cereali e nell'allevamento di mucche chianine. Fin da allora è in Confagricoltura. Già nel 1984 avviò l'attività agrituristica a San Vincenzo per poi riportare alla produttività, nel 1988, un'altra azienda agricola di famiglia in Maremma, consegnata all'abbandono: è il podere San Ottaviano, 400 ettari a biologico, dove produce birra e gestisce l'ospitalità dei turisti

Redazione