Giornata internazionale delle donne rurali: 5 modi per aiutarle

in Notizie
Visite: 328
donne rurali

Riflessione della “Commissione Donne” del Copa-Cogeca, in occasione dell’odierna 13^ Giornata internazionale delle donne rurali, sulla strategia europea per l’uguaglianza di genere e sui modi di supportarla nel settore agricolo. Le donne rappresentano il 30% del totale di titolari o gestori di aziende agricole, ma l’80% sono classificate “mogli di agricoltori”. Per la presidente Lotta Folkesson: «se forniamo alle donne in agricoltura i giusti strumenti e opportunità, non solo possiamo liberare il loro pieno potenziale, ma ne trarrà enorme beneficio anche la vitalità delle nostre aree rurali».   


«Le donne impegnate in agricoltura o “donne rurali” sono la spina dorsale delle nostre aree rurali e spesso hanno un ruolo multifunzionale oltre a gestire le proprie aziende agricole o lavorare nelle aziende agricole di famiglia. Le “donne rurali” sono anche madri, casalinghe ed educatrici, ma il loro contributo all'economia rurale e alla forza lavoro è spesso trascurato quando non addirittura invisibile nell’ambito del settore».
A sostenerlo è un comunicato diffuso oggi, 13esima Giornata internazionale delle donne rurali, dal Copa-Cogeca, il principale gruppo di rappresentanza degli agricoltori europei, frutto dell’unione del Comitato delle organizzazioni professionali agricole e della Confederazione generale delle cooperative agricole dell’Unione europea. E più precisamente dalla “Commissione Donne” del Copa-Cogeca, presieduta da Lotta Folkesson. 
«Oggi le donne rappresentano circa il 30% del numero totale di proprietari o gestori di aziende agricole nell'UE – continua la nota - mentre circa l'80% è classificato come "moglie di agricoltori". È necessario un maggiore sostegno per motivare e incoraggiare le donne contadine ad assumere un ruolo più importante nel settore agricolo, al fine di migliorare l'innovazione e aiutare il settore ad aumentare la sua sostenibilità a lungo termine».
Secondo la nota, che sintetizza un più esteso documento di riflessione pubblicato oggi stesso, «attualmente, le donne rurali affrontano una triplice minaccia: digitale, rurale e di genere. Devono affrontare una serie di sfide e barriere che impediscono il loro coinvolgimento attivo nell'economia rurale quali: accesso limitato ai finanziamenti, infrastrutture carenti, divario retributivo di genere e distribuzione ineguale alle responsabilità familiari e assistenziali».
Ecco in sintesi le 5 linee di azione chiave per sostenere le donne rurali suggerite dal Copa-Cogeca:
1. Il sostegno alle iniziative di conciliazione vita-lavoro, il miglioramento della qualità e dell'accessibilità delle infrastrutture e dei servizi miglioreranno la situazione e il tenore di vita di coloro che vivono nelle zone rurali.
2. Promuovere la diversificazione e le attività multifunzionali nelle zone rurali può fornire opportunità alle imprenditrici rurali in settori come l'agriturismo, le vendite dirette o l'agricoltura sociale, ecc.
3. Le cooperative possono svolgere un ruolo vitale nel sostenere le donne in agricoltura e fornire opportunità alle zone rurali in termini di occupazione, imprenditorialità e migliore accesso al mercato.
4. L'accesso al credito rimane uno dei maggiori ostacoli per l'imprenditorialità femminile che deve essere affrontato. Le vie di finanziamento destinate alle donne attraverso la politica di coesione dell'UE e la ricerca e l'innovazione dovrebbero essere aperte a tutte le aree territoriali, comprese le zone rurali.
5. È necessaria una maggiore raccolta di dati e informazioni sulla situazione economica e sociale delle donne rurali per affrontare meglio la disuguaglianza nelle zone rurali.
Per Lotta Folkesson il potenziale delle donne rurali e delle donne contadine rimane ancora inespresso: «attraverso l'emancipazione delle donne rurali, possiamo contribuire allo sviluppo dell'intera comunità. Assistendo e sostenendo ulteriormente le donne contadine, possiamo promuovere l'imprenditorialità rurale, il lavoro autonomo e l'innovazione nell'agricoltura europea. Se forniamo alle donne rurali i giusti strumenti e opportunità, non solo possiamo liberare il loro pieno potenziale, ma ne trarrà enorme beneficio anche la vitalità delle nostre aree rurali».

Redazione