Ieri ci ha lasciato Franco Scaramuzzi

in Notizie
Visite: 836

E' morto ieri sera all'età di 93 anni Franco Scaramuzzi, presidente dell'Accademia dei Georgofili di Firenze fino al 2014.

Nato a Ferrara il 26 dicembre 1926, Scaramuzzi dal 1986 al 2014 è stato presidente dei Georgofili (prestigioso ente dedicato all'agricoltura) di cui manteneva la carica di presidente onorario. E' stato insignito di medaglia d'oro dal Presidente della Repubblica quale 'Benemerito per la Scuola e la Cultura' e nominato Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana.
Con rammarico la redazione di Floraviva, con l’editore Andrea Vitali, ricordano Franco Scaramuzzi intervistato più volte proprio quando, nel 2008, nasceva la rivista.
«Scaramuzzi - dice Vitali - ha interamente dedicato la propria vita allo studio, alla ricerca scientifica, all'organizzazione delle attività accademiche, legate alle scienze agrarie. Laureatosi nel novembre 1948, conseguì la libera docenza in Coltivazioni arboree nel 1954 e vinse la omonima cattedra nel 1959. E' stato eletto quattro volte Rettore dell'Università di Firenze, per 12 anni consecutivi (1979-1991). E' stato eletto membro del Consiglio di Presidenza e della Giunta Amministrativa del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) per il quadriennio 1972-1976. Fu poi eletto membro del CUN (Consiglio Universitario Nazionale) per due legislature, dal 1979 al 1986.
Aveva 32 anni quando, nel 1958, fu eletto Accademico Corrispondente dei Georgofili. E' stato poi eletto - continua Vitali - Accademico Ordinario nel 1965 ed Emerito nel 2000. E' stato chiamato a far parte del Consiglio Accademico nel 1979. Il Corpo Accademico lo ha eletto Presidente per 8 volte consecutive (1986, 1989, 1992, 1996, 2000, 2004, 2008 e 2012) rimanendo in carica per 28 anni (un arco di tempo inferiore solo a quello di Luigi Ridolfi 1871 - 1909).
A tutte le cariche suddette è stato sempre eletto dai colleghi con voto segreto; mai designato dall'alto. Non è mai stato iscritto ad alcun partito, dopo la tessera obbligatoria della ONB (Opera Nazionale Balilla)».

Redazione