Azuma Makoto: una vita interamente dedicata ai fiori

Visite: 1000
L'artista e scultore botanico Azuma Makoto non si preoccupa se i fiori muoiono: gli dà fuoco, li trascina sott'acqua, li lascia cadere dagli aeroplani e li lancia nello spazio. Ma questo non vuol dire che non li rispetti.
L’artista, noto per le sue composizioni floreali incredibilmente belle e audaci, ha iniziato sulla scena musicale di Tokyo suonando il basso in un gruppo rock. Ma alla fine è stato attratto dal “canto delle sirene” dei fiori: prima, con un lavoro come commerciante in un mercato dei fiori, poi nel 2001, aprendo il suo negozio “Jardins des Fleurs”. Adesso è una star del mondo dei fiori in Giappone e oltre, Makoto canalizza la spavalderia punk-rock e lo spettacolo in sculture botaniche che evitano le convenzioni.
Il 43enne spinge le piante all'estremo per evidenziare, non solo la loro bellezza e grazia, ma anche la loro forza e resilienza. Con vaste aree della foresta pluviale amazzonica regolarmente in fiamme (che ospitano circa 80.000 specie di piante) e gli oceani costantemente tossici, la resilienza è in realtà già in fase di test.
A differenza della secolare tradizione giapponese dell'ikebana, che premia la precisione e lo spazio negativo, le composizioni floreali di Makoto sono massimaliste, a volte letteralmente esplosive. L’artista viaggia per il mondo installando sculture “gioiose” in spazi pubblici e gallerie che hanno attirato l'attenzione del mondo della moda: Rihanna indossava copricapi floreali disegnati da Makoto su una copertina di British Vogue e Dries Van Noten una volta ha istallato sulla sua passerella massicci arrangiamenti sepolti nel ghiaccio. Ma gli illustri clienti non si fermano qui: comme des garçons, hermes, miele, vogue,Beijing Horticultural Expo, Deutsche Gramophone, Noir Kei Ninomiya, ma ce ne sono molti altri.
“Non faccio davvero differenza tra il mio lavoro di artista e quello di proprietario del Jardin des Fleurs. In ogni caso, il mio obiettivo è rendere le persone felici con i fiori - afferma Makoto -. Come artista, cerco di vedere il potenziale dei fiori e condividere qualcosa che nessun altro ha visto prima. E in negozio facciamo di tutto per presentare i fiori dalla loro più bella angolazione. Per questo il nostro negozio si trova in un seminterrato; dove i fiori non saranno influenzati dalla luce solare, dalle temperature eccessive o dal rumore. Indossiamo solo abiti bianchi, neri e grigi, perché i protagonisti non siamo noi, ma i fiori. Questi vivono solo 10 giorni. Se lo paragonate alla durata della vita dell'uomo, un fiore invecchia dieci anni al giorno; quindi abbiamo pochissimo tempo per goderci la loro bellezza ed è proprio per questo che voglio catturarla. Se rimuovi un fiore dalla natura, tu, come artista, hai la responsabilità di dargli un senso”.

Stars Florist è una rubrica curata da AnneClaire Budin