Aprile fa il fiore e maggio gli dà l'odore

Visite: 624

Dura il mese di aprile tutte le piante sono in piena vegetazione per un tripudio di profumi, colori e fiori. Ma per quanto il clima possa essere mite, occorre sempre fare attenzione alle gelate tar-dive e valutare il tempo per tutte le lavorazioni.
Nell'orto in questo mese è ancora necessario vangare e sarchiare accuratamente il terreno. Si rincalza la patata e si predispongono i tutori per il pisello rampicante. Si possono poi mettere a dimora cavoli e insalate, barbabietola, cipolle, porri e ravanelli. Si seminano in vasetto o semenzaio protetto anguria, melone, zucca e zucchina. In semenzaio all'aperto invece il basilico. Quasi tutti gli ortaggi che avete seminato in semenzai a febbraio e marzo possono ora essere trapiantati in pieno campo.
Si prosegue con la potatura degli olivi e si eseguono i trattamenti necessari contro gli eventuali attacchi da parte di cocciniglie e funghi. Nel frutteto termina il lavoro di concimazione e iniziano i lavori di post-fioritura e post-potatura. Si prosegue invece con i lavori di scacchiatura e di sfoltimento. Prima della schiusa delle gemme ricordatevi di eseguire, a scopo preventivo contro le crittogame, l'ultimo trattamento invernale a base di prodotti rameici.
In giardino c'è molto lavoro da portare avanti: si potano siepi, alberi ornamentali e rosai. Si mettono a dimora bulbi e rizomi di anemone, ciclamino, dalia, giglio, iris, ranuncolo. Entro metà mese si ultimano le piantagioni delle specie da fiore: calendula, Amaranthus, convolvolo, crisantemo, fiordaliso, astro, Impatiens, begonia, bocca di leone, dalia, petunia, zinnia. A fine aprile si possono trasferire all'esterno i gerani, rinvasandoli.
Previsioni meteo
Il mese di aprile mostra ancora una situazione votata all'instabilità: gli anticicloni in disparte consentirebbero a masse d'aria relativamente fredda di raggiungere, secondo scambi meridiani, il bacino del Mediterraneo. Tale dinamica dunque creerebbe le condizioni per la formazione di nubi e precipitazioni, anche forti. Mentre il centro nord sarebbe più influenzato dalle masse d'aria dal Nord Europa con temperature a tratti anche sotto la media, il sud potrebbe sperimentare periodi con caldo fuori stagione.

Redazione