Xylella: mentre colpisce la Corsica, al via in Puglia i reimpianti

Visite: 1156

L’epidemia della Xylella fastidiosa continua ad espandersi a macchia d’olio. Tra le nuove aree colpite c’è la Corsica, dove ha colpito lecci e olivi, destando non poche preoccupazioni nell’associazione dei coltivatori corsi, dal momento che l’olivicoltura, con un giro d’affari intorno a 3 milioni di euro, è un comparto significativo dell’agricoltura dell’isola. Anche se, per il momento, come spiegato nei giorni scorsi da Agrisole, non sono stati toccati uliveti produttivi, ma solo alcuni esemplari di olivo ornamentali di alcune rotatorie. In generale, le piante colpite sono olivi selvatici e lecci.
Nel frattempo, viene segnalato sempre su Agrisole l’imminente avvio in Puglia dei bandi di sostegno ai reimpianti per le aziende olivicole delle zone danneggiate dalla Xylella, nell’ambito delle misure 5.2 (ripristino del potenziale produttivo attraverso la sostituzione degli olivi danneggiati o distrutti) e 4.1 (sostegno agli investimenti strutturali degli olivicoltori delle zone colpite) del Programma di sviluppo rurale regionale, non appena pubblicato il verbale del Comitato fitosanitario sulle varietà di olivi resistenti al batterio, che dovrebbero essere le cultivar FS 17 (Favolosa) e Leccino (vedi sulla questione nostra intervista).

Redazione