Oli d’oliva in Ue: export -5%, import +70% (grazie a Tunisia). Ok l’Italia

Visite: 1284

Le quantità di oli d’oliva dell’Unione europea venduti in Paesi extra-europei nell’annata 2017-18 si ridurranno di circa il 5% rispetto all’anno scorso, passando da 558 mila a 531 mila tonnellate. Un risultato che dipenderà in gran parte da un calo produttivo pari a circa -14% in volume da parte della Spagna, il maggiore produttore ed esportatore mondiale. Mentre la forte ripresa dell’Italia, che dovrebbe registrare quest’anno livelli produttivi raddoppiati rispetto alla disastrosa annata precedente e rafforzare le sue quote di mercato extra-europee soprattutto negli Stati Uniti d’America e in Giappone, non basterà a compensare l’arretramento spagnolo.
Queste sono almeno le stime degli uffici statistici della Commissione europea riportate nei giorni scorsi da Agrisole. Stime che indicano per l’annata olearia in corso una crescita dell’import di oli d’oliva extraeuropei in Ue di oltre il 70 per cento sull’anno precedente, grazie a 157 mila tonnellate di importazioni contro le 91 mila del 2016-17. Gran parte di questo olio d’oliva importato è proveniente dalla Tunisia, dove si è assistito a una notevole crescita di produzione, più che raddoppiata rispetto all’anno scorso: da 100 mila a 220 mila tonnellate.

Redazione