Lavori di Maggio in orto, giardino e frutteto

Visite: 996

Come ci ricorda il detto popolare “Il villano che dorme in maggio, digiuna in settembre”, quindi attenzione a non battere la fiacca.
Il clima mite di questo mese favorisce la crescita di ortaggi e cereali, infatti si seminano il sorgo, il mais e la barbabietola da zucchero e, in caso di piogge scarse, occorre irrigare.
Nel frutteto si effettua la potatura verde dell'actinidia, delle pomacee e drupacee, per queste è opportuno anche diradare i frutti. Saranno necessari i trattamenti contro afidi, bolla, carpocapsa, corineo, oidio e ticchiolature. Il campo di fragole andrà concimato con nitrato di sodio e poi pacciamato.
Nell'orto è il momento di trapiantare angurie, cetrioli, meloni, melanzane, zucche, zucchine, lattughe, porri, sedano, scarole, timo, salvia, melissa e santoreggia. In semenzaio si seminano cavolfiori precoce, cavolo verza, lattughe e porro; mentre a dimora basilico, bietola, carota, fagioli, fagiolini, ravanelli, radicchi, prezzemolo e zucchine. Fave, fagioli, piselli, melanzane, patate, peperoni e pomodori avranno bisogno di essere rincalzati. Ricordatevi di eliminare le malerbe, scacchiare i pomodori, mettere i tutori alle piante che lo necessitano e potare i rosmarini.
Nel vigneto sono necessari i trattamenti antiperonosporici con ossicloruro di rame o con poltiglia bordolese. Se è presente anche l'oidio basterà aggiungere zolfo bagnabile.
I lavori proseguono anche in giardino, dove si piantano le conifere sempreverdi e si ridimensionano camelie e gardenie. Sarà necessario mettere a dimora e nutrire con un concime ricco di potassio tagete, calendule, bocche di leone, impatiens, lobelie, agerasti, astri e zinnie.
Con la luna calante si possono potare e concimare i lillà. Bisognerà, infine, effettuare pacciamature, diserbi, trattamenti contro gli afidi ed eliminare i fiori secchi.
Previsioni meteo
Nel mese di maggio le piogge inizieranno a diventare un serio problema. Avremo lunghi periodi secchi e caldi (30°C) intervallati da brusche pause caratterizzate da fenomeni violenti come grandinate distruttive, acquazzoni e temporali (di calore) cattivi.
Le temperature saranno sopra la media su tutta la penisola con uno scarto di 1,5/2°C oltre la norma. Probabilmente quindi la figura predominante sarà l'Anticiclone africano.

Redazione