Nuove soluzioni per la salvaguardia delle piante durante il trasporto

Visite: 436

Il 6 ottobre a Pistoia nell’incontro “Aggiungiamo valore alle piante ornamentali” presentate le sperimentazioni del progetto coordinato da Impresa Verde Pistoia “In.Tra.Viva. - INnovazioni post produzione, confezionamento e TRAsporto dei prodotti VIVAistici”: sensori, container a temperatura controllata e imballaggi biodegradabili provati su ulivo, ligustro, viburno, acero e cipresso.

Innovazioni per la cura e valorizzazione delle piante ornamentali nelle fasi post produttive: dagli imballaggi biodegradabili in grado di aumentarne l’appeal commerciale ai sensori e software capaci di ridurre il numero degli esemplari danneggiati durante il trasporto.
Sono le sperimentazioni portate avanti con il progetto In.Tra.Viva.: INnovazioni post produzione, confezionamento e TRAsporto dei prodotti VIVAistici. In.Tra.Viva., coordinato come capofila da Impresa Verde Pistoia (società di Coldiretti Pistoia) nell’ambito del Psr 2014-20 della Regione Toscana.
I risultati finora ottenuti e i principali filoni d’indagine del progetto, che coinvolge cinque enti di ricerca e diverse aziende vivaistiche pistoiesi e punta a rendere più competitivi i prodotti florovivaistici ornamentali toscani, è stato presentato il 6 ottobre in un incontro intitolato “Aggiungiamo valore alle piante ornamentali”.
In.Tra.Viva. si è focalizzato su come migliorare le fasi a valle della filiera, quelle che vanno dal carico dei container nei vivai, alla consegna delle piante nel luogo di destinazione. Dal polo vivaistico pistoiese, infatti, partono dentro container piante di media e grande dimensione dirette in tutta Europa e verso paesi asiatici, dal Regno Unito al Turkmenistan, con viaggi lunghi anche decine di giorni. Ciò comporta spesso il degrado della qualità delle piante, che a volte vengono anche danneggiate irrimediabilmente, con perdite economiche importanti. E a incidere, oltre alle notevoli distanze, sono anche i tempi dei controlli fitosanitari alle frontiere.
Riducendo lo stress delle piante e il loro degrado durante il trasporto, In.Tra.Viva darà alle aziende vivaistiche strumenti in grado di preservare la qualità delle piante e aumentare la loro redditività. L’utilizzo di materiale biodegradabile negli imballi accrescerà anche il grado di ecosostenibilità delle produzioni, con ricadute positive di immagine e appeal commerciale.
Nelle sperimentazioni sono state utilizzate le piante più frequentemente trasportate: ulivo, ligustro, viburno, acero e cipresso. Sono stati usati mini-sensori per individuare e studiare i marcatori dello stress delle piante derivante dalla mancanza di luce e acqua. Sono stati simulati trasporti a breve, medio e lungo raggio, utilizzando container a temperatura e umidità controllata. Queste conoscenze permettono di mettere a punto software in grado di ottimizzare il carico. E tra le altre cose i ricercatori stanno verificando i possibili benefici dell’illuminazione con dei led che inneschino la fotosintesi.
Cinque i contributi scientifici illustrati durante l’incontro.
- “Valutazione di nuovi prodotti antitraspiranti biodegradabilinel trasporto a lunga distanza delle piante ornamentali”, con il Dott. Gianluca Burchi - CREA Orticoltura e Florovivaismo, Pescia.
- “Studio del comportamento delle piante durante le simulazioni di trasporto tramite l’identificazione di componenti volatili utilizzabili come marcatori di stress e realizzazione di mini-sensori per la rilevazione dei marcatori”, con il Prof. Pietro Tonutti – Scuola Superiore Sant’Anna Pisa.
- “Un sistema logistico interattivo per il comprensorio florovivaistico pistoiese”, con il Prof. Ing. Antonio Pratelli - DICI, Polo universitario sistemi logistici Università di Pisa.
- “Diagnostica dello stato di salute delle piante durante i trasporti, tramite l’applicazione di sensoristica non distruttiva NIR e di mini sensori IoT, adattati o di nuova realizzazione”, con Serena Ferri - DIBAF Università della Tuscia.
- “Messa a punto di un nuovo packaging”, CRC LaMPo, Università di Milano.

Redazione