Export in Montenegro di piante sensibili a Xylella: nuovi requisiti

Visite: 1352
controlli su olivi per Xylella

Confagricoltura Pistoia informa che il Servizio fitosanitario regionale ha comunicato che nel Montenegro è stata ampliata la lista di piante sensibili a Xylella, con nuovi requisiti sulla tempistica delle analisi. Il servizio di analisi su richiesta del Sfr continuerà solo fino a garantire i referti del 2 aprile 2021, in seguito le aziende dovranno rivolgersi ai laboratori delle università di Pisa e Firenze o del Cnr di Sesto Fiorentino.


Nel Montenegro, a seguito di un aggiornamento normativo, la lista delle piante sensibili ai ceppi europei e non-europei di Xylella fastidiosa è stata molto ampliata e sono stati introdotti nuovi requisiti analitici da rispettare. 
Lo ha reso noto ieri, rifacendosi a una comunicazione del Servizio fitosanitario regionale (Sfr), l’ufficio tecnico di Confagricoltura Pistoia precisando che «quando si esportano nel Montenegro tali categorie di piante, esse devono essere analizzate non più di un mese prima della spedizione e il numero del rapporto di prova e la data devono essere riportati al punto 11 del certificato fitosanitario». 
Pertanto, al fine di poter organizzare adeguatamente il lavoro del Sfr, continua la nota di Confagricoltura Pistoia, è necessario che le aziende che hanno bisogno di analisi per Xylella fastidiosa per spedizioni di piante in Montenegro «facciano al Sfr una specifica richiesta per il prelievo dei campioni e la realizzazione delle analisi».
Visto l’elevato numero di piante soggette ad analisi, «si rende necessario che la richiesta sia effettuata con un congruo anticipo di almeno 10 giorni, altrimenti non saranno in grado di garantire il servizio». Nella richiesta di analisi è necessario specificare «il numero indicativo delle piante oggetto di spedizione». Inoltre «le piante da analizzare al momento della visita degli ispettori fitosanitari per il prelievo dei campioni devono essere presenti sul piazzale di carico. Non verranno effettuati prelievi di campioni su piante in coltivazione in vivaio».
Nella nota si annuncia comunque che il servizio di analisi su richiesta del Sfr di Pistoia proseguirà solo fino a garantire i referti analitici del 2 aprile 2021, per cui gli ultimi prelievi di campioni saranno effettuati entro 10 giorni prima di tale data. Dopo di che cesserà a causa della riorganizzazione del Sfr. 
Pertanto «le aziende vivaistiche interessate alle analisi dovranno provvedere autonomamente al prelievo dei campioni e alla loro analisi usufruendo di altri laboratori in grado di effettuare analisi biomolecolari per Xylella fastidiosa secondo i metodi elencati nell’allegato IV del Reg. UE 2020/1201». Vale a dire presso i laboratori delle università di Pisa (ref. dott.ssa Panattoni) e di Firenze (ref. prof. Marchi) oltre a quello del CNR di Sesto Fiorentino (ref. dott. Santini).


Redazione