Meccanizzazione della raccolta e prima trasformazione della canapa

Visite: 468
Cobraf - Chimica Verde Bionet - Federcanapa

Su questo tema il 21 ottobre mattina ad Eima 2021 convegno organizzato da Chimica Verde Bionet, capofila del progetto Cobraf finanziato nel Psr della Regione Toscana, in collaborazione con Federcanapa. Il pomeriggio un convegno su “Tecniche di estrazione di oli e principi attivi delle piante” con riferimento alle colture innovative di Cobraf: camelina, canapa, cartamo e lino. Il programma completo della giornata.


La canapa in primo piano in due convegni in programma giovedì 21 ottobre nel contesto di Eima International 2021 a Bologna. Li organizza, in collaborazione con Federcanapa, Chimica Verde Bionet, l’associazione capofila del progetto Cobraf (Coprodotti da Bioraffinerie): un progetto finanziato dalla misura 16.2 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Toscana 2014-2020 per lo sviluppo di filiere agroindustriali da quattro colture oleaginose: canapa, camelina, cartamo e lino. Con l’obiettivo di arrivare a «un sistema articolato di bioraffinerie che permetta la massima valorizzazione della biomassa di colture oleaginose utilizzabili in rotazione, e di conseguenza il miglior reddito per le aziende agricole e per le imprese utilizzatrici e un’ampia flessibilità nelle destinazioni di mercato». Ciò attraverso «l’utilizzo di varie parti della biomassa e residui di produzione per lo sviluppo di bioprodotti innovativi e più sostenibili per almeno 6 settori dell’industria toscana: alimentare, cosmesi, farmaceutica, edilizia, legno, automotive (camper)».
La mattina, dalle ore 10 alle 13, sarà dedicata al convegno “Meccanizzazione della raccolta e della prima trasformazione della canapa”, coordinato da Beppe Croce, presidente di Federcanapa e direttore di Chimica Verde Bionet. Come viene illustrato nell’introduzione al programma dell’evento, «un nuovo impianto per la produzione di fibra di qualità sta sorgendo in Toscana e sono in corso diversi progetti sulla canapa industriale in altre Regioni italiane». Federcanapa, in collaborazione col Gruppo Operativo del progetto Cobraf, con questo appuntamento vuole presentare «una panoramica delle attuali soluzioni per la raccolta congiunta di steli e cime di canapa e per le successive fasi di stigliatura e macerazione della fibra».
Nel pomeriggio, dalle ore 15 alle 17,30, si svolgerà il secondo convegno “Tecniche di estrazione di oli e principi attivi dalle piante”. L’argomento dell’evento è così introdotto: «le colture innovative del progetto Cobraf - camelina, canapa, cartamo e lino - sono una fonte di acidi grassi Omega3 e Omega6 e di molti altri princìpi attivi, che trovano crescente interesse di mercato in nutraceutica, cosmesi e mangimistica». Nell’incontro saranno passate in rassegna le principali tecnologie di estrazione e i rispettivi costi e benefici economici e salutistici, con l’illustrazione di alcune esperienze italiane.
                                                                   
Programma 

1) “Meccanizzazione della raccolta e della prima trasformazione della canapa” (ore 10-13)
• 10.00 Introduzione ai lavori
• 10.10 Panoramica europea sulla meccanizzazione della canapa industriale - Stefano Amaducci, Università
Cattolica del Sacro Cuore Piacenza
• 10.30 Tecnologie innovative per la raccolta - Vincenzo Alfano, CREA Ingegneria e Trasformazioni
Agroalimentari
• 10.45 Raccolta e stigliatura: un quadro delle soluzioni esistenti - Cesare Tofani, Naturfibre
• 11.00 Macchine e metodi per la lavorazione della canapa - Valerio Zucchini
• 11.15 Le macchine di Assocanapa per la raccolta combinata e la prima lavorazione degli steli - Cesare
Quaglia, Assocanapa
• 11.30 Il progetto CATERPILLAR in Emilia Romagna - Marco Errani, Azienda Sperimentale Stuard di Parma
• 11.45 Il progetto RETE CANAPA nella Marche - Antonio Trionfi Honorati
• 12.00 Un nuovo impianto in Toscana per la produzione di fibra di qualità - Domenico e Giuseppe Vitiello,
Canapafiliera
• 12.30 Dibattito

2) “Tecniche di estrazione di oli e principi attivi dalle piante” (ore 15-17,30)
• 15.00 Acidi grassi e altri princìpi attivi delle colture Cobraf - Beppe Croce, Chimica Verde Bionet
• 15.20 Strumenti e norme per gli oli spremuti a freddo - Tullia Gallina Toschi, Università di Bologna
• 15.40 Vantaggi e criticità dell’estrazione meccanica a freddo - Peppe Sammartino, Molino
• Crisafulli
• 16.00 Estrazione di princìpi attivi con solvente: il caso dei cannabinoidi - Luana Vagnoli
• 16.15 Esperienze di impiego della CO2 supercritica - Alvaro Garro, Canapalife
• 16.30 Una soluzione innovativa ed ecologica per l’estrazione di princìpi attivi - Giovanni Venturini
• del Greco, Herbolea
• 16.45 L’impiego industriale di ultrasuoni, solventi e altre tecnologie - Eusphera Nutraceuticals
• 17.00 Dibattito.

Per ulteriori informazioni consultare il sito web dell’Associazione Chimica Verde Bionet.

Redazione