Xylella Fastidiosa: aggiornamenti in Europa non solo olivicoli

in Brevi
Visite: 2288

«L’emergenza Xylella fastidiosa continua ad imperversare in tutta Europa, non solo nel Sud Italia». 
A lanciare il grido di allarme è FlorNews del 9 febbraio, che elenca una ricca serie di aggiornamenti, riguardanti non solo le piante di olivo, con tanto di link alle fonti.
In Spagna, si legge, «l’infestazione è arrivata a Maiorca attraverso piante infette, importate dalla California per piantagioni sperimentali di mandorlo a Son Carrió, dove è scoppiata la prima epidemia che poi, a partire dagli anni ’90, si è diffusa nel resto dell’isola colpendo dozzine di specie, tra cui mandorli, viti, fichi, olivi, olivi selvatici e varie piante ornamentali». In Francia sono stati confermati 21 nuovi focolai nelle Alpi Marittime, mentre in Germania è stata ridotta la zona cuscinetto in Sassonia, da 10 a 5 chilometri, ed è stato pagato un risarcimento a un vivaio che, in esecuzione della misura precauzionale del febbraio 2017, ha visto distrutta tutta la propria produzione.
FlorNews riporta poi, fra gli aggiornamenti consultabili sul web in relazione alle ultime attività dei vari progetti Ue di contrasto al batterio, i titoli delle ultime pubblicazioni del Progetto POnTE:
- Nuove rivelazioni dagli studi sul ruolo delle infezioni da Xylella fastidiosa nello sviluppo della sindrome di disseccamento rapido dell’olivo;
- Sintomi delle malattie da Xylella fastidiosa in Spagna;
- Sintomi delle malattie da Xylella fastidiosa in Puglia;
- Sintomi delle malattie da Xylella fastidiosa nel mondo;
- Valutazione del controllo biologico della malattia dell’olivo da Xylella fastidiosa per mezzo di un endofita benefico.

Redazione