Orto, giardino, vigneto e frutteto: i consigli di gennaio

Visite: 968

Se le condizioni atmosferiche sono negative, i risultati deleteri per le colture si vedranno a maggio. In questo periodo la natura è in riposo e il tempo spesso freddo e piovoso: è il momento ideale per sistemare le attrezzature, riordinare i locali, progettare l’orto e programmare le future semine e piantagioni.
Nel frutteto si controllano le strutture, si eliminano i seccumi, si puliscono i tronchi e si iniziano i trattamenti antiparassitari invernali. Con luna crescente si possono raccogliere le talee per il vivaio, mentre con quella calante le marze per l’innesto.
Nel vigneto si interra il letame e, a fine mese, si iniziano i trattamenti antiparassitari. In cantina si controllano le colmature dei vasi vinari e l’usura delle pastiglie antifioretta.
Nell’orto è tempo di piantare aglio, cipolle e scalogni. In coltura riscaldata si seminano ravanelli, carote, lattughe, prezzemolo, sedano.
Si raccolgono spinaci, radicchi, cavoli verza e cappuccio, cavolini di Bruxelles, broccoli. Nelle giornate di sole, e solo nelle ore più calde, si possono arieggiare le coperture. Bisogna anche pulire l’asparagiaia.
In giardino si potano i rosai e si rincalzano bulbi e rizomi. Bisogna osservare i limoni e se presentano foglie gialle all’apice dei rami, è bene mettere nel vaso una bella dose di cenere. Bisogna inoltre irrorare di poltiglia bordolese rose, lillà, lavande, camelie, azalee e rododendri.

Meteo
La prima parte dell’anno sarà caratterizzata da piogge su tutta l’Italia per poi lasciare spazio a freddo e neve dovute all’arrivo di venti freddi. Ma tra il 18 ed il 22 vedremo un aumento delle temperature e l’arrivo di una serie di perturbazioni atlantiche che riporteranno il maltempo su tutte le regioni.

Redazione