Pierre Banchereau la star florist avanguardista

Visite: 516

Come definire lo stile di Debeaulieu? «Libero, colorato, studiato, semplice ma allo stesso tempo deciso, generoso, goloso, a volte strano, a volte obsoleto, non sofisticato, moderno!»
Di Pierre Banchereau, fiorista a capo della boutique parigina Debeaulieu, i suoi fan dicono che è un artista ed è lui stesso ad affermare: «Non mi considero un fiorista, per me il fiore è un elemento decorativo che accompagna un interno, una collezione».
Oggi Banchereau è a capo di una squadra di sette persone e le sue composizioni hanno rinnovato i codici dell'arte floreale. «Come in cucina con la nuova generazione di chef, stiamo cambiando il modo in cui i fiori vengono consumati».
Ha iniziato come cacciatore di teste ma poi ha lasciato la professione per realizzare il suo sogno e diventare un fiorista. Dopo alcuni anni di studio e un po' di formazione con maestri fioristi, Pierre Banchereau, nel novembre 2013, ha aperto il suo primo negozio a Parigi. Il marchio Louis Vuitton ha notato i suoi lavori e tutt'oggi, ogni settimana, crea bouquet esclusivi ispirati alle loro collezioni per lo spazio "Rare et Exceptionnel".
Scrupoloso, amante delle collaborazioni con altri creativi, Banchereau ha recentemente sviluppato un bouquet "fluttuante" per AD France e composizioni floreali secche per la nuova boutique di Armand Ventilo.
Oggi, Debeaulieu ha moltiplicato le sue collaborazioni, con Hermès, in particolare o con il Festival di Hyères: «Il legame tra moda e fiori è molto forte. È fonte di ispirazione reciproca. Spesso conoscono molto bene le piante e chiedono l'uso di questo o quel fiore nel loro ufficio, nel loro showroom o nei loro mazzi di ringraziamento… Da parte mia, mi aiuto visualizzando i look della moda, sia colori che volumi, o materiali».
Il suo negozio sembra essere un giardino in continua evoluzione che rinnova ogni mattina. L'arredamento cambia spesso «Mi piace l'effimero - dice Pierre - il negozio è davvero diverso da una settimana all'altra». Nessun bouquet è come un altro: «La Francia è per me il paese dell'arte floreale, forse perché abbiamo ottimi produttori di fiori che ci permettono di esprimerci ogni stagione. L'arte floreale francese sta cercando, diventando globalizzata e persa tra le altre scuole, ma devi prenderla come un punto di forza …». Ma Debeaulieu è ancora agli inizi: «Voglio un universo multidisciplinare, disegno vasi, do consigli ... Dalla mia esperienza sui fiori, voglio aprirmi ad altri argomenti».
Per Pierre Banchereau, il fiore è parte integrante della creazione, come una collezione o una decorazione d'interni. Nel suo negozio, i fiori sono esposti su piedistalli bianchi di tutte le dimensioni, come opere d'arte Pierre ama tutti i fiori e sa come evidenziarli, in modo classico ma anche insolito. È appassionato della "riabilitazione" di fiori sconosciuti o obsoleti: gladioli, crisantemi e garofani sono tra i suoi preferiti. È un vero collezionista: ha anche fiori rari, come ninfee, che galleggiano in un vaso di vetro.
«Voglio far sognare le persone».

Stars Florist è una rubrica curata da AnneClaire Budin