Djordje Varda: il grande architetto dei fiori

Visite: 976

"Solare": questa è la parola che viene spontaneamente in mente per definire Djordje Varda. Anche "Tellurico" si adatterebbe a lui, dato che dà la sensazione di avere i piedi saldamente a terra. Ma è "aerea" la parola che prevale quando scopri le sue composizioni floreali e lo senti parlare con un'intelligenza che veste elegantemente la leggerezza. Sole, terra e acqua: la vitale Trinità di un principe giardiniere che ha deciso di rendere la sua vita e quella degli altri più bella.
Secondo l'atavismo familiare, Djordje Varda avrebbe dovuto essere un avvocato, ma lui preferiva destreggiarsi con il linguaggio dei fiori. Nato a Belgrado, è arrivato in Francia a 18 anni e qui ha imparato a gestirsi da solo. Il suo viaggio potrebbe sembrare caotico, ma in realtà, Djordje Varda è stato guidato solo dalla passione e dall'istinto.
Dopo essere passato da una professione all'altra, dal mondo della bellezza a quello della haute Couture a Parigi, tutto gli appare chiaro un giorno mentre "rinnova" i fiori sul suo balcone: i fiori gli fanno bene, lo rendono felice, e farà di questo il suo nuovo lavoro.
Così per un capriccio, apre un piccolo negozio dove osa con armonie improbabili, composizioni inedite… e compra un'enciclopedia botanica per non dover più inventare i nomi dei fiori quando gli viene posta la domanda!
«Non chiedetemi quali sono i miei fiori preferiti - afferma Djordje Varda - non sarei in grado di scegliere». Nessuno è indifferente e, per lavorare, si affida innanzitutto alle stagioni. «La natura offre una tale diversità di specie che è possibile trovare la felicità in qualsiasi momento dell'anno».
Con un doppio colpo di genio Djordje Varda inizia il cammino verso quello che sarà il suo successo: crea un sito web in un momento in cui nessun fiorista lo fa e inventa i "fiori felici", sul modello degli happy hour. I giornalisti iniziano a parlare di lui e inizia ad arrivare un po 'di notorietà.
Ma è nel 2006 che diventa una star, quando l'hotel Ritz di Parigi lo preferisce ad altri designer floreali molto più famosi di lui. Da allora, sorprende e incanta gli ospiti del palazzo parigino con cascate gorgoglianti di amaranto, zampilli eucaristici, schizzi di rose e peonie, cattedrali effimere animate dalle forze della natura… Riceve il Prix Villégiature come miglior designer floreale in Europa due volte di seguito, nel 2008/2009 e nel 2009/2010.
Inizia a lavorare per la settimana della moda o per i matrimoni del jet set… compreso il matrimonio in campagna, a maggio 2017, di Pippa Middleton e James Matthews.
«Per determinare gli addobbi, i fidanzati mi fanno visitare il luogo delle feste. Parlare delle loro aspettative e dei loro gusti è essenziale. D'altra parte, rifiuto educatamente la loro proposta se mi mostrano le foto di ciò che vogliono».
«Ho ancora l'ossessione che i fiori non arrivino in tempo per il "grande giorno"». Una sventura che fortunatamente non si è mai verificata nella carriera di Djordje Varda, nè a Jaipur, dove ha aspettato quasi 200mila steli per un matrimonio di otto giorni, nè in Russia, dove ha ricevuto una consegna di 18 tonnellate di fiori. Possiamo credere che il suo "angelo custode" sia un piccolo fiore blu!

Stars Florist è una rubrica curata da AnneClaire Budin