Il vivaismo di Tesi group: certificazioni, comunicazione di qualità e tante innovazioni per essere competitivi nel mercato globale

Visite: 4464

Il marketing manager del gruppo vivaistico pistoiese, che è al Mefit da qualche settimana in via sperimentale con una selezione delle proprie piante ornamentali, ricorda che l’85% del fatturato è da export. Perché è nata “PrimaNatura Giardini”, l’azienda di progettazione di spazi a verde. Il responsabile fitosanitario descrive uno dei primati dei vivai Tesi: la certificazione ambientale Emas.

«Questo esperimento deriva dal fatto che il mercato dei fiori di Pescia è una realtà importante, anche se, come dire, finora per il vivaista pistoiese è sempre stata tanto vicina quanto lontana, nel senso che il Serravalle ha sempre più allontanato che unito. Noi però abbiamo fatto una valutazione insieme ai dirigenti di Mefit (l’azienda speciale Mercato Fiori Piante Toscana che gestisce la struttura mercatale pesciatina, ndr) per provare a offrire qui determinate tipologie di piante che potevano essere di interesse per gli operatori del Mefit. Abbiamo visto che l’interesse c’è e quindi abbiamo deciso di portare una selezione di piante che mancavano al Mefit, fra cui ad esempio diverse mini forme e i pon pon. Adesso si tratta di vedere se nel tempo questa iniziativa riuscirà a crescere e decollare definitivamente. Al momento i segnali sono positivi».
A parlare è Fabio Fondatori, marketing manager della Giorgio Tesi Group, holding di Pistoia fra i leader a livello internazionale nella produzione e fornitura di piante ornamentali, che spiega così l’apertura di qualche settimana di uno spazio vendita presso il mercato dei fiori di Pescia da parte di Tesi Group. «Si tratta di una vasta gamma di piante medio-piccole, anche se il numero degli esemplari è contenuto – precisa Emanuele Begliomini, responsabile tecnico e fitosanitario di Tesi -. In pratica una finestra su tutto il vivaismo pistoiese, che, come si sa, è diventato più che una zona di produzione vera e propria, una zona di coltivazione. E quindi non ci saranno le piantine piccolissime ma le piante coltivate. Il nostro catalogo contiene 700 fra specie e varietà, e al Mefit chiaramente non sono tutte presenti, ma ci sono tipologie di piante che rappresentano bene il nostro catalogo, che comprende i mezzi fusti, i pon pon, l’arte topiaria, le piante per siepi, gli agrumi e gli ulivi».
Abbiamo chiesto a Fondatori anche un ragguaglio sulle tendenze del settore vivaistico e sulle strategie per la competitività del gruppo pistoiese fondato quarantuno anni fa da Giorgio e Tullio Tesi, e adesso guidato da tre fratelli: Fabrizio Tesi, l’amministratore unico, Romeo e Tiziano, e il cugino Claudio, figlio di Giorgio. Un gruppo che può contare su 500 ettari di terreni dedicati alla coltivazione distribuiti fra Pistoia e quattro filiali nel resto d’Italia (18 vivai nel pistoiese e poi le filiali di Piadena (Cremona), Grosseto, Orbetello e San Benedetto del Tronto), che ha 200 dipendenti e circa 2500 clienti in tutto il mondo da 50 paesi diversi.
«Il nostro gruppo – dice Fondatori - negli ultimi anni ha fatto una grossa crescita a livello internazionale: esportiamo circa l’85% del fatturato, prevalentemente in Europa (60% del fatturato); il 25% nei paesi extraeuropei; il 15% in Italia. La nostra è un’azienda prevalentemente produttiva, nel senso che noi coltiviamo e forniamo le nostre piante. Nell’ultimo periodo abbiamo creato una nuova società per la progettazione e la realizzazione del verde per rispondere alle esigenze di privati locali e amministrazioni pubbliche. La nostra, comunque, resta prevalentemente un’azienda di coltivazione. Non vendiamo piante al dettaglio, ma vendiamo piante a una clientela professionale, costituita da altre aziende vivaistiche, garden center, architetti paesaggisti, grande distribuzione, imprese di costruzione, ecc. Insomma, noi siamo quelli che stanno in cima alla filiera».
Come sta andando il mercato?
«Negli ultimi anni, ovviamente, - risponde Fondatori - è arrivata un po’ di crisi anche nel settore nostro, perché sono crollati alcuni paesi tradizionali tipo Grecia, Spagna e Portogallo. Ma noi abbiamo cercato di diversificare, di ampliare la rete dei paesi, verso gli emergenti: la Russia, i paesi arabi e così via. E quindi siamo riusciti a compensare così in qualche modo gli effetti della crisi». Ma non sono tutte rose e fiori o, meglio, i risultati bisogna saperseli conquistare. «La Russia e paesi come Turkmenistan e Azerbaijan e la Turchia stessa – spiega infatti Fondatori - sono paesi in crescita. Così pure i paesi arabi. Però in tutti questi casi bisogna fare i conti spesso con le normative doganali e con la distanza del trasporto, perché noi non spediamo fiori tramite aereo, ma piante prevalentemente su gomma, e una pianta è una cosa viva che deve arrivare in buone condizioni. E quindi c’è un limite di distanza. Ad esempio in Cina ci arriviamo in nave, ma sono 25 giorni in container refrigerati. E quindi è un mercato più difficile, che non è ancora esploso. Oppure sono venuti a vedere i nostri vivai anche dal Brasile e volevano comprare le piante, però c’è una normativa in Brasile che esclude l’importazione di piante… Insomma gli scogli sono spesso le normative doganali».
«Sul mercato adesso in Italia – aggiunge Fondatori - abbiamo segnali abbastanza buoni. Il mercato si sta un pochino riprendendo. All’estero, da quello che so io, in Europa, solo l’anno scorso è stata una bruta annata, per tutti. Ma non solo per gli effetti della crisi, bensì anche per il maltempo, perché noi risentiamo molto anche di questo, e l’anno scorso piovve fino a giugno. E quando piove la gente non fa il giardino e allora non va a comprare le piante. L’anno scorso, dunque, fra la brutta stagione e un pochino la paura della crisi economica, anche in Europa ci fu un po’ di calo delle vendite. Però quest’anno mi sembra che la stagione abbia aiutato. Non che ci sia una forte ripresa, però i segnali mi sembrano confortanti».
Tra i punti di forza del gruppo Tesi, vero fiore all’occhiello che lo rende competitivo a livello internazionale, il fatto che sia «l’unica azienda vivaistica in Europa ad avere la certificazione ambientale Emas», come ricorda Fondatori. E poi, naturalmente, la ricerca: «collaboriamo con il Cnr nella ricerca varietale» Senza dimenticare la comunicazione e il legame con il territorio: tramite ad esempio, sul primo fronte, la pubblicazione (con testi in italiano e in inglese) della rivista Naturart, che «è diventata un brand importante», e il sito web di taglio più specialistico
www.aboutplants.eu, diretto dal responsabile tecnico Emanuele Begliomini; e, sul secondo fronte, la sponsorizzazione della squadra di basket pistoiese (che è in serie A), oppure la fondazione onlus realizzata dalla famiglia Tesi per finanziare interventi di sostegno ai bambini e ai più deboli. Insomma, come riassume Fondatori, «un gruppo che svolge la sua responsabilità sociale a 360 gradi, anche perché i valori aziendali sono quelli familiari: dell’etica, dell’onestà e della solidarietà».
E a cosa si deve la diversificazione verso il comparto della progettazione del verde?
«E’ una scelta – risponde Fondatori - nata dalla constatazione che ci arrivavano molte richieste, anche da nostri clienti, non solo di fornitura di piante ma anche di progettazione di spazi a verde. Quindi, vista la domanda di questo servizio, abbiamo costituito un’azienda ad hoc, che si chiama “PrimaNatura Giardini”, che fa proprio progettazione e realizzazione di spazi verdi. La società si rivolge ad un mercato prevalentemente locale, di privati e amministrazioni pubbliche».
Al responsabile tecnico e fitosanitario del gruppo, Emanuele Begliomini, abbiamo chiesto di spiegarci meglio in cosa consiste e quali sono i vantaggi di una certificazione quale Emas?
«L’Emas – risponde - è la certificazione ambientale europea: noi ogni anno depositiamo la nostra dichiarazione ambientale, che è consultabile sul sito dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, ndr), in cui diciamo quali sono i nostri obiettivi e le nostre azioni per ridurre l’impatto ambientale. Per esempio, la sostituzione della torba con un prodotto compostato, per cui i nostri scarti vengono compostati e stiamo cercando di farlo in azienda, anche se non è facile per motivi burocratici». «In Nord Europa – continua Begliomini - questo genere di certificazioni sono apprezzate dai clienti, mentre in altre zone fanno immagine ma gli effetti pratici non sono poi quantificabili. Però va detto che l’avere adottato una simile certificazione, che guarda ai processi e non ai prodotti, ha portato a un’organizzazione dell’azienda molto più chiara ed efficiente».
Emas non è l’unica certificazione del Gruppo Tesi e, in ogni caso, tutta l’attività aziendale è impostata nella direzione delle garanzie ambientali e della qualità. «Siamo addirittura pressanti – spiega Begliomini – per quanto riguarda le limitazioni nell’uso di prodotti chimici: siamo forse l’azienda più all’avanguardia nel settore vivaistico per l’utilizzo di sistemi di difesa integrata. E abbiamo usato spesso, tanto per fare un esempio, antagonisti naturali della cocciniglia oppure abbiamo adoperato nuove tecniche come la “confusione sessuale” per altri insetti. Insomma tutte cose che richiedono un monitoraggio assiduo, perché non è come usare i prodotti chimici che uno utilizza a ragion veduta quando vuole. Qui serve il periodo giusto, monitorare lo sviluppo del parassita ed educare chi lavora nel vivaio: ogni responsabile di vivaio deve sapere esattamente cosa vedere e quando, per poi segnalarlo». Un altro esempio citato da Begliomini è «l’uso, per la prima volta, dei dischi pacciamanti in cocco». «Cerchiamo di dare un seguito a nostro vantaggio – conclude Begliomini - a quelle che sono le indicazioni derivanti dall’adeguamento agli standard imposti dalle certificazioni».

Redazione Floraviva

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------