Piccini, Cia: “L’accordo Coldiretti-Federolio svende il lavoro dei produttori toscani e sdogana le miscele”

Visite: 1272

Sandro Piccini, presidente della Olivicoltori Toscani Associati, lancia l'allarme sull'accordo di filiera fra Coldiretti e Federolio: alcune industrie acquisteranno olio extravergine d’oliva a 4 €/Kg, ben al di sotto del costo medio di produzione regionale (7 €/Kg), da utilizzare per il progetto “Italico”, miscela di oli italiani, comunitari ed extracomunitari.

«L’accordo di filiera Coldiretti-Federolio non riconosce il giusto valore all’olio extravergine d’oliva toscano e serve a sdoganare le miscele di oli italiani con oli comunitari ed extracomunitari: la Toscana olivicola darà battaglia per tutelare la dignità dei produttori, il futuro del prodotto e la salute dei consumatori». È una presa di posizione dura, senza sconti, quella di Sandro Piccini, presidente della Olivicoltori Toscani Associati.
Sotto accusa dunque il patto tra Coldiretti e Federolio presentato nei giorni scorsi a Roma. Gravi, in particolare per Olivicoltori Toscani Associati, sono le parole del segretario generale di Coldiretti, Vincenzo Gesmundo, secondo cui «il massimo del Made in Italy è quella industria che possa dimostrare che all’interno dei suoi blend c’è almeno il 50% di olio extravergine d’oliva italiano».
Piccini pensa che queste affermazioni e questo accordo mettano a serio rischio il futuro di migliaia di famiglie toscane che vivono grazie all’eccellenza dell'olio, simbolo del Made in Italy. Come si evince da interviste e dichiarazioni, sottolinea Piccini, l'olio italiano «verrebbe utilizzato per sdoganare il progetto “Italico”, miscela di oli italiani con oli comunitari ed extracomunitari, tanto caro ad alcune aziende e ai vertici di Coldiretti».
«Ci opporremo con tutte le forze perché non possiamo consentire a Coldiretti e Federolio di mettere sul lastrico, attraverso la svendita dell’olio extravergine d’oliva, centinaia di migliaia di olivicoltori toscani», ha rimarcato Piccini. «Invito i produttori, i consumatori e tutti i cittadini a sottoscrivere la petizione lanciata dal Consorzio Nazionale degli Olivicoltori a tutela dell’olio extravergine d’oliva italiano, dei produttori e della salute dei consumatori per lanciare un messaggio forte al Governo Nazionale affinché prenda le distanze da questo attentato al Made in Italy», ha concluso il presidente Sandro Piccini.

Redazione