Filiera dalla coltivazione degli olivi al commercio dell'olio: nel Valdarno aretino un Pif che mira a una più equa distribuzione del valore

Visite: 8436

La cooperativa Frantoio Sociale Sette Ponti di Castelfranco di Sopra in provincia di Arezzo è capofila di questo Progetto integrato di filiera relativo alla fase 2 (anno 2012) del bando regionale. Come ha reso noto Coldiretti Toscana il Pif sarà illustrato a chi è interessato il 18 maggio nella sede della cooperativa a Grania.

Un progetto per sviluppare, riqualificare e valorizzare la filiera dell’olio del Valdarno Aretino, superando le criticità del settore olivo-oleicolo e distribuendo più equamente il valore lungo la catena dalla coltivazione degli olivi sino alla commercializzazione dell’olio.
E’ il Pif (Progetto integrato di filiera) di cui si è fatta promotrice la cooperativa Frantoio Sociale Sette Ponti di Castelfranco di Sopra in provincia di Arezzo e che sarà presentato ai soggetti interessati, come eventuali partecipanti diretti o indiretti, venerdì 18 maggio alle 18 nella sede sociale della cooperativa capofila in località Grania.
Questo Pif rientra nel Bando multimisura relativo alla fase 2 (anno 2012) emanato dalla Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 161 del 23 gennaio 2012 e mira a costruire un sistema di rapporti fra i diversi attori della filiera che permetta di rendere più efficiente il settore e più remunerativa la coltivazione degli olivi nella zona del Valdarno aretino in modo da allontanare il rischio di abbandono già nel breve periodo. Sono previsti finanziamenti a fondo perduto.
Data la natura degli accordi di filiera, che implicano una integrazione e corresponsabilità di ciascun partecipante nei confronti di tutti gli altri, sono previste penali per la mancata osservanza degli impegni assunti.
Le misure del Piano di sviluppo rurale di cui è prevista l’attivazione e a cui i partecipanti potranno aderire nell’ambito di questo Pif della cooperativa Frantoio Sociale Sette Ponti sono le seguenti:
Misura 114 - Utilizzo di servizi di consulenza;
Misura 121 – Ammodernamento delle aziende agricole;
Misura 123a - Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli;
Misura 124 – Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo e alimentare e in quello forestale;
Misura 133 - Sostegno alle associazioni di produttori per le attività di promozione e informazione;
Misura 311 - Diversificazione attività agricole, limitatamente all’azione a, tipologia d’intervento a.3.