Filiera olearia: 5 mln alle aziende per gli interessi sui mutui

Visite: 504
sostegno del Mipaaf a settore oleario

Firmato decreto che destina 5 milioni di euro per coprire gli interessi sui mutui maturati nel 2019 dalle aziende del settore oleario. Bellanova: «l’obiettivo è mettere in sicurezza l’intera filiera». Soggetto attuatore Ismea, che ridurrà proporzionalmente i contributi dei beneficiari se le richieste complessive superassero le risorse disponibili.


La ministra delle politiche agricole Teresa Bellanova ha firmato un decreto che destina 5 milioni di euro per la copertura, totale o parziale, dei costi degli interessi maturati dalle imprese della filiera olearia nel 2019 sui mutui bancari contratti entro il 31 dicembre 2018.  
«Con questo decreto - ha dichiarato ieri la ministra Bellanova - vogliamo contribuire con ulteriori risorse alla ristrutturazione del settore oleario, anche alla luce delle condizioni di particolari criticità produttive e per il rilancio della produttività e della competitività. Rispondiamo alle difficoltà con un solo obiettivo strategico: mettere in sicurezza l'intera filiera e ogni singolo segmento, condividendo con l'intero settore anche le modalità attuative delle misure quanto a semplificazione e sburocratizzazione, perché ogni provvedimento sia capace di rispondere sempre più e meglio alle esigenze e difficoltà specifiche».
Le richieste di aiuto dovranno essere presentate dalle aziende a Ismea, soggetto attuatore della misura, secondo le modalità pubblicate nel sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf).
Le domande dovranno contenere le seguenti informazioni:
- dichiarazioni sostitutive di atto notorio per aiuti “de minimis” nell'ultimo triennio; 
- dichiarazioni sostitutive di atto notorio riportante certificato iscrizione alla CCIAA; 
- dichiarazioni sostitutive di atto notorio riportante la media produttiva degli ultimi tre anni; 
- eventuali altri documenti previsti per la certificazione; 
- copia contratto del mutuo; 
- attestazione prodotta dalla banca relativa ai costi sostenuti per gli interessi bancari dell'anno 2019.
Una volta chiuso il termine di presentazione, Ismea procederà a liquidare le domande. Se il contributo erogabile dovesse superare l'importo ammissibile in relazione alle risorse finanziarie disponibili, Ismea ridurrà proporzionalmente gli importi da concedere a ciascun beneficiario. 

Redazione