‏Aprile, dolce dormire. Ma non per i nostri appassionati di orto e giardino

Visite: 3616

aprile

"Tre aprilante quaranta di durante", così recita il proverbio che ci invita a fare attenzione al tre aprile: se in tale giorno pioverà, allora non smetterà di piovere per quaranta giorni. Ma al di là di spiacevoli inconvenienti, la natura, durante questo mese, trarrà sempre giovamento dalla pioggia che cade. Aprile è mese di potatura degli olivi e protezione di questi dall' "occhio di pavone" con i formulati rameici. Contro gli attacchi di cocciniglie e fumaggini valgono invece i trattamenti a base di oli minerali all'1,5 - 2%. Si provvederà, qualora le temperature si mantengano sui 10 gradi, alla semina di mais a ciclo lungo, girasole, e, a fine mese, soia. Si seminano poi pomodori, basilico, fagioli rampicanti, fagioli da sgranare e fagiolini. Nei terreni esauriti interrate 4-5 kg di letame maturo o terriccio concimato a metro quadro. Da mettere a dimora invece cavoli e insalate. Mentre andranno trapiantati peperoni, melanzane, sedani, cetrioli e zucchini. Poi concimare la carciofaia. Chi possiede un frutteto dovrà, sempre a seconda dell'andamento climatico, iniziare i trattamenti post-fioritura e post-potatura. Si proseguirà poi con la scacchiatura e lo sfoltimento della frutta in eccesso. In giardino si piantano a dimora le annuali piante erbacee per le fioriture estivo-autunnali prossime: agetarum, antirrino, astro della Cina, alyssum, begonie semperflorens, celosia, calceolearie, cinerarie, delphinium, gazenie, hibiscus, impatiens, lobelia, surfinia, senecio, tagete, verbena, portulaca, vinca e zinnia. Molte piante ornamentali in aprile si riprodurranno con facilità per talea, margotta e propaggine: korcorus, ibiscus, magnolia stellata, mahonia, cydonia, forsuthia, fuchsia, plumbago capensis e spiraea sono soltanto alcune di esse.

Redazione Floraviva