Lettera aperta: Del Ministro Legambiente a Federica Fratoni sul Centro Documentazione Padule"

in Lettere
Visite: 2312


Egr. presidente della provincia di Pistoia Federica Fratoni
 
Ti scrivo come presidente della provincia e possibile nuova presidente del centro di documentazione o, comunque, autorevole membro del suo consiglio.
 
Mi occupo, come sai, del centro da anni e su questo ed altri argomenti abbiamo anche avuto posizioni discordanti.
Comunque, come ripeto da mesi, il Centro del Padule può avere un futuro che potrebbe essere importante per la tutela e valorizzazione
del patrimonio naturale del Padule e di tutta la Valdinievole, la Valdelsa e la piana Lucchese e questo ha un valore in , ma porterebbe anche allo sviluppo di un'economia sostenibile e posti di lavoro.
 
In un momento come questo, difficilissimo e drammatico per l'economia, si dovrebbe lavorare tutti insieme per dare un futuro al nostro territorio e posti di lavoro ai molti giovani che non ne trovano,si deve fare squadra e non pensare al proprio orticello
L'esperienza del centro in cui vi sono comuni della Valdinievole, della Valdelsa, della Lucchesia e università e associazioni è una cosa che ha anticipato i tempi e non è da stravolgere, ma da copiare.
 
Certo, poi Sabato durante l'assemblea del centro mi sono trovato davanti una contromanifestazione, non autorizzata, che addirittura protestava contro l'ingresso nel Centro di comuni importanti come Montecatini e Pescia  e, sinceramente, se non si capisce che adesso si deve lavorare aggregando le forze, i comuni, le associazioni etc, per difendere il proprio particolare, allora il problema è serio.   
Credo che sia compito tuo e di tutti noi spiegare, con infinita pazienza, che le politiche di tutela, valorizzazione e di promozione turistica di un territorio possono essere fatte solo a livello consortile  se si vuole perseguire il bene comune e non l'interesse di pochi.
 
Di seguito ti ricordo alcune richieste fatte da Legambiente e Wwf per l'immediato futuro del centro e gli obbiettivi per il nuovo consiglio per il 2015:
- Fare decantare le polemiche, usare buon senso
- Fare rientrare i comuni usciti e farne entrare di nuovi
- Aggiornare, se necessario,  lo statuto
- Se ci sarà necessità economica e con il consenso dei dipendenti, provvedere ad instaurare con loro un diverso rapporto di lavoro, confermando anche i rapporti di collaborazione con le attuali guide del centro, ma mantenere anche nel 2015 il rapporto di lavoro con gli attuali due dipendenti
- Provvedere a completare i progetti che la Onlus ha in corso, in modo da non perdere finanziamenti già destinati e impegnarsi ad attivarne di nuovi per il 2015 sollecitando in tal senso la collaborazione di enti pubblici e privati.
- Adeguare la Onlus trasformandola in senso sempre più imprenditoriale in modo da risolvere i problemi finanziari nel 2015 e preparare il percorso definitivo della Onlus dal 2016.
- Cercare di definire protocolli di intesa con Regione e consorzio
 
Per la Provincia:
- Rinnovare per il 2015 la gestione della riserva alla Onlus Centro di Documentazione
- Rinnovare per il 2015 il concordato gratuito dell'immobile di Castelmartini alla Onlus.
 
Nel salutarti ti voglio ricordare che non verrà meno l'impegno  di tutta Legambiente per il futuro del centro, ma non mancherà neppure una  durissima opposizione nel caso si dovesse andare verso un deponteziamento del centro che alcune forze vorrebbero.
 
Io,come dice Grillo,sono un stanchino,ma  nel nostro circolo ci sono nuove, giovani e capaci forze.
 
Maurizio Del Ministro
Presidente Circolo Legambiente Valdinievole