I vincitori della “Vetrina delle Eccellenze” di Myplant 2018

in Brevi
Visite: 3092

Decretati i sette vincitori del concorso sulle novità e innovazioni del settore florovivaistico riservato agli espositori di Myplant & Garden 2018.
La premiazione, da parte della giuria di esperti presieduta da Renato Ferretti, è avvenuta nel pomeriggio di ieri, prima giornata della fiera internazionale del florovivaismo e del paesaggio, in corso alla Fiera di Milano dal 21 al 23 febbraio.
Il premio nella categoria A, “Nuove varietà di piante ornamentali”, è andato al ciclamino Masako della ditta Schoneveld Breeding, «un ciclamino con una nuova ed unica forma del fiore, nato da meristema», creato dal breeder giapponese Kanazawa, che ha scelto il nome della principessa del Giappone, un nome peraltro molto diffuso. Il fiore è piaciuto alla giuria per la fioritura innovativa e per «interessanti caratteristiche dal punto di vista ornamentale».



A vincere la categoria B, “Nuove varietà di fiori recisi”, è stato Bouvardia “Crazy Pink” di Chrywijk, per gli steli lunghi circa 70 cm con molti fiori e il contrasto di colori, che lo rendono molto adatto a composizioni floreali e bouquet esclusivi. Inoltre ha una ottima durata: 12/14 giorni.



Nella categoria C, “Nuovi assortimenti e preparazioni commerciali di piante ornamentali e di fiori recisi che abbiano un particolare significato ecologico, ambientale e/o equo-solidale”, ha vinto Blue Country con myco naturactive di Tempoverde, un «miscuglio di graminacee per formare il tappeto erboso resistente alla siccità grazie all'apparato radicale particolarmente profondo», per il quale è possibile «utilizzare anche acque di bassa qualità».
La categoria D, “Innovativi mezzi di produzione”, se l’è aggiudicata Bioten della ICL, fungicida biologico a base di Tricoderma spp. conforme alla normativa EC N. 834/2007. Risponde ai requisiti di utilizzo dei programmi di agricoltura biologica e di lotta integrata. Adatto per il controllo delle malattie fungine Pythium, Phytophtora, Rhizoctonia, ecc. sia in vivaio che nel verde urbano.



Nella categoria E, “Innovative macchine, attrezzature ed impianti per la produzione florovivaistica”, ha vinto Biulite-net della Lite Soil, un tubo di irrigazione interrato realizzato in «un rivestimento di tessuto non tessuto, che accumula l’acqua in una rete di distribuzione anche questa a base di tessuto non tessuto, nella quale viene poi distribuita in modo uniforme e su ampia superficie a livello delle radici». Consente di risparmiare fino al 70% di acqua.



La categoria F, “Nuovi materiali edili e/o arredi per la realizzazione del giardino e del paesaggio”, è stata vinta da Ipm-Gloe Drena Lumi TM della Ipm Italia, sistema di pavimentazione permeabile e filtrante econtocompatibile che mantiene le caratteristiche ambientali senza necessità di vasche di accumulo ed è caratterizzato da un effetto luminescente gradevole ed utile nei viali e parchi per la fruizione notturna.



Nella categoria G, “Vasi e prodotti per la decorazione”, a vincere è stata Primavera Plus della Nicoli: cassetta da balcone, ringhiera e parapetto in plastica con ferri di aggancio incorporati e recupero dell'acqua in eccesso, grazie alla «sottocassetta già integrata a formare una riserva d'acqua».
La giuria ha segnalato l'opportunità di inserire una categoria specifica per i prodotti da garden anche ridefinendo l'insieme delle categorie.

L.S.