Gal Tirrenico: «florovivaismo siciliano nel patrimonio Unesco»

in Brevi
Visite: 1024
Gal Tirrenico su florovivaismo siciliano nell'Unesco
Il Gal Tirrenico Mare Monti e Borghi, costituito da dodici comuni di un’area del nord est della Sicilia a forte vocazione florovivaistica, lancerà al tavolo tecnico nazionale del settore florovivaistico del 16 febbraio la proposta di inserimento del florovivaismo siciliano nel patrimonio Unesco. 
La notizia è stata data ieri da www.siciliarurale.eu in un articolo in cui vengono rivelati altri dettagli della proposta e le sue motivazioni (vedi). A presentare questo progetto, in cui si intende coinvolgere tutto il comparto florovivaistico regionale, al tavolo tecnico di settore sarà, fanno sapere, il direttore del Gal Tirrenico, arch. Roberto Sauerborn.  
Tra le motivazioni addotte il fatto che «l’odierno florovivaismo affonda le sue radici in una sapienza centenaria e in un rapporto di profonda sostenibilità tra l’uomo e l’ambiente che ne ha reso possibile lo sviluppo e che sente la necessità di conservare le sue antiche radici e origini». E’ sulla base di questa antica sapienza dei produttori locali, sulla tipicità e unicità delle colture locali, a partire dal comprensorio del Gal Tirrenico, culla di vivai, che si tenta di inserire il lavoro dei florovivaisti siciliani, a cominciare dal «vivaismo agrumicolo e olivicolo siciliano», nella Lista rappresentativa del Patrimonio immateriale dell’Unesco.
«Il settore florovivaistico siciliano è il terzo polo produttivo d’Italia, dopo la Toscana e la Liguria, ma – sostengono nell’articolo non si sa su che basi -  primo per qualità e originalità dei prodotti». «In Sicilia – continua l’articolo - il solo settore della produzione vivaistica, esclusa la vendita all’ingrosso e al dettaglio, interessa 2500 ettari per un valore di produzione pari a 180 milioni di euro all’anno. Cifre che declinate all’ingrosso e quindi al dettaglio devono essere decuplicate con una forte incidenza sul Pil della Sicilia. Di questo il 20% interessa la provincia di Messina».
Per ulteriori informazioni sulle caratteristiche della produzione florovivaistica del Gal Tirrenico e sulla proposta si rimanda all’approfondito articolo sopra indicato (vedi).


L.S.