Luglio: raccolta a piene mani

Visite: 1060

Siamo ormai in estate ed è il momento di raccogliere a piene mani i frutti del nostro lavoro. Ma non solo, durante tutto luglio prosegue la mietitura dei cereali e alla fine del mese si interrano le stoppie e si preparano i campi per le semine di erbai estivo-autunnali e delle rape. Non dimentichiamoci che, con il caldo estivo, saranno necessarie le irrigazioni.
Nell'orto oltre al raccolto, si deve provvedere a sarchiare, rincalzare, annaffiare. Si possono seminare numerose verdure, quali zucchine, carote, rape, cicoria, bietole, scarole, lattughe, finocchi e cavoli. Si trapiantano, invece, gli ortaggi seminati a giugno e si cimano angurie e meloni. Ricordiamo sempre di tenere sotto controllo i patogeni stagionali, come cavolaia, mosca della frutta o altica.
Nel frutteto, dopo la raccolta dei frutti, si potano le drupacee e si eliminano i succhioni, tagliando alla base ribes e lamponi. Si eseguono inoltre i trattamenti preventivo-curativi antiparassitari.
Anche nel vigneto è tempo di potatura verde, provvedendo anche a diradare i grappoli e al trattamento contro la tignola dell'uva.
Nel giardino ricordiamo sempre di annaffiare quotidianamente (mattina presto o sera), meglio se eseguiamo pacciamature, utili a contenere il consumo di acqua. A luglio si seminano le erbacee da fiore biennali e si cimano quelle sfiorite, si trapiantano i rizomi dei giaggioli. Si provvede anche al trattamento contro afidi, tignole e ragnetto rosso.
Chi ha un allevamento deve preoccuparsi anche di esso, facendo prendere aria ai ricoveri e fornendo di acqua abbondante e fresca gli abbeveratoi. Polli e conigli necessitano in questo mese delle vaccinazioni.
Previsioni meteo
A luglio avremo anomalie pluviometriche leggermente al di sopra della media, in particolare al nordest: non sarà dunque una stagione secca. Le ondate di caldo saranno smorzate, più o meno con regolarità, da temporali di passaggio. Le temperature si manterranno stabili, nella media, leggermente al di sopra solo nelle estreme regioni meridionali.

Redazione