Febbraio: prossimi al risveglio della natura

Visite: 1720
A febbraio le piante sono vicine al risveglio, presentano infatti il tipico rigonfiarsi delle gemme. Si arieggiano allora le superfici erbose dei prati, si concimano e, se necessario, si esegue la trasemina. Si preparano i campi per la semina.
Nelle ore più calde provvediamo ad arieggiare le protezioni degli ortaggi per evitare la formazione di condensa, spesso causa di marciumi. Si possono zappare asparagiaie, carciofaie, fave e piselli. Si piantano le cosiddette zampe di asparagi. All'aperto, in luogo riparato, si seminano rucola, cicoria, bietole, spinaci, carote, piselli e prezzemolo. In semenzai riscaldati è poi possibile seminare cetrioli, cavoli, pomodori, peperoni, sedani, porri e melanzane. Se il freddo dovesse mettere a rischio le colture è consigliato l’uso del preparato di valeriana-507 e delle altre tecniche biodinamiche.
Nel frutteto si esegue la potatura dell'albicocco e del susino, seguita da quella del pesco a fine mese. Si effettua, in particolare, il trattamento contro la bolla del pesco. Per le potature di piante delicate meglio seguire i periodi indicati per favorirne la vitalità.
Nel vigneto si inizia la potatura della vite e si proseguono le concimazioni organiche del terreno, i diserbi e i controlli delle strutture. In cantina terminano i travasi del vino.
In giardino si mettono a dimora gli alberi, gli arbusti e le rose, anche a radice nuda. Si dividono i cespi delle erbacee perenni per ricavarne nuove piante, quali astro, echinacea, campanula. Le succulente possono essere rinvasate, soprattutto le cactacee. Al riparo si seminano le annuali estive, come impatiens, cosmea, girasole, nasturzio, agerato e altre.
Previsioni meteo
«Se di febbraio tuona, l'annata sarà buona»: come ci ricorda il detto, la pioggia che cade in questo mese è benefica per le piante, prossime al risveglio.
Le previsioni parlano di temperature sopra la media, ma senza particolari eccessi. Anche le precipitazioni saranno sopra la media, soprattutto sui versanti settentrionali delle Alpi, sul medio-basso Adriatico e al Sud. Sotto media al Nord, sul versante tirrenico e sulla Sardegna.
Aria più fredda continentale potrebbe mescolarsi ad aria più umida dai quadranti sudoccidentali, innescando una situazione perturbata con piogge e nevicate a quote veramente basse per il periodo.
 
Redazione