Idea Verde Maschi di Cremona, il garden center premiato a Flormart 2016

Visite: 264

maschi1

Il garden center Idea Verde Maschi di Cremona ha ricevuto la menzione speciale nei premi Nòva_Green del 67° Flormart di Padova, il salone professionale del florovivaismo, giardinaggio e architettura del paesaggio. I fratelli Domenico e Michele sono stati scelti per la capacità di unire tradizione familiare e innovazione, ma soprattutto per la copertura a 360 gradi della filiera del verde e dei fiori: dal vivaio e le serre sino al garden.

Nella patria dei violini Stradivari, forma raffinata di artigianato e scienza riconosciuta dall’Unesco, c’è un’azienda della filiera florovivaistica che si dedica con lo stesso spirito e dedizione certosina dei liutai alla produzione e commercializzazione delle piante e dei fiori, più i relativi accessori. E’ l’azienda Idea Verde Maschi, le cui attività sfociano in buona parte nel garden center di Gadesco, in provincia di Cremona, ma comprendono anche una serie di vivai, 75 ettari di terreno irrigati a goccia che producono alberature vendute prevalentemente all’ingrosso, 10 mila metri quadrati di serre per la produzione e l’accrescimento di piante in vaso al servizio del garden, un altro punto vendita specializzato in design floreale e confezioni regalo (per i matrimoni in primis), progettazione e manutenzione del verde e, infine, mercatino di fiori temporaneo sul territorio, a cominciare dai mercoledì e i sabati nella piazza del Comune nel centro storico di Cremona.  
Il garden center Idea Verde Maschi ha ricevuto il 23 settembre scorso, giornata conclusiva della 67^ edizione di Flormart, il salone internazionale per professionisti del florovivaismo, giardinaggio e architettura del paesaggio di Padova, la menzione speciale per garden center e grande distribuzione specializzata di piante e fiori creata quest’anno nell’ambito del premio Nòva_Green. Quello dei fratelli Domenico e Michele Maschi - che guidano l’azienda insieme alla madre in seguito alla scomparsa del padre - è stato così il primo centro di giardinaggio italiano a ricevere la menzione Nòva_Green e le motivazioni di questo successo hanno a che fare con la completezza e l’integrazione intelligente della gamma di attività complementari al loro garden, che è iscritto alla rete Aicg (Associazione italiana centri di giardinaggio). Ma sono legate pure all’insolita capacità di coniugare le competenze della tradizione familiare con l’innovazione imprenditoriale.
E’ proprio a partire da tali motivazioni che Floraviva ha fatto visita ai fratelli Domenico e Michele Maschi, il primo nella sede di Gadesco, il secondo al mercatino in piazza del Comune di Cremona, per intervistarli. Ecco una sintesi di quanto hanno spiegato su Idea Verde Maschi.
Riguardo alla copertura di tutti i segmenti della filiera, ci ha confermato Michele che l’azienda di famiglia va dal vivaio, con la coltivazione di alberature in uno spazio di 75 ettari con circa 320 mila piante, una gran parte delle quali (intorno al 70%) venduta all’ingrosso, sino alla commercializzazione, attraverso il canale del garden center innanzi tutto, ma anche tramite un secondo negozio e i mercatini temporanei rionali, di ogni genere di piante e fiori recisi provenienti da varie parti d’Italia e dall’Olanda. Come dice Domenico, «qualsiasi persona che venga da noi può venire accontentata in tutti i suoi desideri: se hai bisogno di fiori recisi, noi li teniamo; se vuoi le composizioni e i bouquet per un matrimonio, li facciamo; se vuoi un giardino, lo progettiamo, lo realizziamo e lo manutentiamo; se hai bisogno di curare le tue piante, noi facciamo anche questo…». 
Non si tratta di una copertura solo verticale dei segmenti della filiera, ma pure orizzontale dei vari comparti. Intanto perché nei loro vivai, precisa Michele, c’è una ricca selezione di piante, con diverse varietà di querce, tutte le varietà di aceri, il ginkgo biloba piramidale, molto raro e richiesto, tassi, ecc. Ma soprattutto in quanto sia nel garden center che nei mercati rionali si trova una gamma pressoché completa di prodotti e varietà: sia fiori recisi e piante fiorite in vaso che piante da orto. «Sul fiore fresco reciso – dice Michele – abbiamo merce olandese e metà produzione italiana, proveniente da Sanremo, da Viareggio e da Pescia, e ogni tanto si compra anche da Napoli. Mentre per le piante in vaso un buon 60% viene comprato in Italia, il resto viene dall’Olanda, perché loro sono in grado di produrre e commerciare il fuori stagione tutto l’anno. In Italia compriamo molto dalla zona di Latina e dalla Toscana».
Però, senza la qualità, la completezza dell’offerta di Idea Verde Maschi non basterebbe a garantire il successo commerciale. Come viene perseguita la qualità? A livello di prodotto, risponde Michele, «bisogna saper scegliere le piante, fiori e le aziende adatte, fare attenzione alla velocità della consegna e avere il coraggio di buttare via le cose invecchiate, mai vendere cose brutte». Naturalmente, col tempo hanno selezionato «dei produttori di fiducia», con i quali, spiega, «adottiamo una trasparenza assoluta, per cui se c’è un problemino lo segnaliamo subito». E poi effettuano tanti controlli: «perché per telefono è tutto bello, ma dopo bisogna vedere dal vivo». 
Ma, come osserva Domenico, qualità e copertura a 360 gradi della filiera non vanno disgiunti ed è proprio l’unione dei due fattori uno dei punti di forza di Idea Verde Maschi. Essere impegnati nell’intera filiera, dal vivaio alla vendita, incide positivamente sul funzionamento del garden center, perché «seguire il prodotto dall’inizio alla fine – spiega Domenico - permette anche di conoscerlo meglio e fa sì che la gente arrivi qui e sappia che dietro a questa struttura c’è un vivaio, ci sono delle serre e c’è un personale davvero competente che si prende cura delle nostre piante: non è come entrare in una struttura in cui trovi l’addetto che ti prende la pianta che gli ordini e te la consegna, punto e basta. Qui, come in tutti i garden, perché non mi piace parlar male dei concorrenti, c’è la persona che prende questa pianta qua e la cura, se c’è bisogno di concimarla la concima, se c’è bisogno di darle l’antiparassitario le dà l’antiparassitario e quando il cliente viene e ha un problema su una pianta, l’addetto la conosce, sa come va curata, sa cosa va fatto ed è capace di trasmettere queste conoscenze specifiche. Poi fra i dipendenti c’è quello che è più bravo con le piante da appartamento, il dipendente che ha frequentato la scuola di fioristi e ha una manualità maggiore e più immaginazione nel creare il mazzo di fiori, il dipendente che è più bravo e competente a fare certe cose rispetto ad altre». Sulla stessa linea Michele: «come mio padre aveva già capito, bisogna puntare sulle persone, su un personale dalla formazione elevata e professionale. Senza personale non si può crescere. E il personale va fatto crescere. E poi naturalmente bisogna vendere il prodotto a un prezzo adeguato».
«La storia del garden center in Italia – dice Domenico soffermandosi su un aspetto centrale di Idea Verde Maschi - o è legata, come nel nostro caso, a una famiglia e a un territorio oppure si sviluppa grazie ad alcuni imprenditori in grado di mettersi insieme e creare un certo numero di garden, realizzando una particolare scelta strategica in determinate posizioni strategiche. La nostra è l’azienda della mia famiglia, in questa azienda c’è la vita di mio padre, di mia madre, mia, di mio fratello, di mia sorella, dei miei zii. C’è un legame fortissimo e tutto è cresciuto pian piano per la passione per la nostra attività. Nelle grandi catene, che conoscono bene il loro mestiere e sono in grado di diffondere comunque la cultura del verde, difficilmente è possibile trovare l’imprenditore a stretto contatto con la clientela: in una struttura come la nostra alla cassa trovi mia madre, che è la titolare dell’azienda, trovi me nelle serre e nei vivai e trovi Michele nei mercatini rionali e nei diversi punti vendita. E questo è uno dei nostri punti di forza, perché alla fine qualsiasi cosa, dal problema all’informazione utile, passa da noi attraverso il suo sguardo e il suo sorriso. Qui il legame con i clienti è diretto e personale, per cui i nostri clienti nove volte su dieci prima che clienti sono miei amici, cioè persone delle quali tu conosci vita morte e miracoli, anche se sono tanti».
Questo non significa però restare indietro sul fronte dell’innovazione. Tutt’altro. Come ricorda Michele, «noi investiamo ogni anno nell’azienda e anche adesso, ad esempio, stiamo rinnovando l’impianto antincendio e le porte di sicurezza». Ma oltre agli investimenti strutturali, segnala Domenico, hanno scelto il meglio per un’azienda di queste dimensioni dal punto di vista dell’assistenza contabile e del software per il controllo di gestione. Si tratta di un investimento indispensabile, perché «la gestione di un garden così integrato – come conclude Domenico - non è la gestione di un semplice negozio, è un’attività che conta tanti prodotti davvero diversi e un’infinità di variabili da considerare. La gestione del garden deve essere supportata necessariamente dalla tecnologia e predisporre un’attenta ricerca degli strumenti migliori per rispondere alle nostre necessità. Abbiamo pensato la soluzione più adatta alla nostra struttura, unica come lo è ogni realtà. Infine, ça va sans dire, non va trascurato il continuo aggiornamento in campo agronomico, botanico e paesaggistico».
 
Lorenzo Sandiford