Paesaggi cool e il green a Bergamo con “i Maestri del Paesaggio”

in Notizie
Visite: 1952

Dal 7 al 24 settembre 2017 a Bergamo Alta la 7^ edizione della kermesse “i Maestri del Paesaggio”. Il 22 e 23 il “Meeting internazionale del paesaggio e il giardino” (valido per la formazione di architetti e agronomi) con 7 grandi paesaggisti di livello internazionale. Nei 18 giorni, i progetti Green Square (di Lodewijk Baljon), Green Design, Green Tour, Green Eye, Green Food, Green Show e il resto della ricca sezione “Educational”.

 

Per diciotto giorni Bergamo si trasformerà in un palcoscenico di natura e bellezza fra appuntamenti di studio e approfondimento, allestimenti, concorsi fotografici, spettacoli e tante iniziative dedicate al paesaggio e al verde. Dal 7 al 24 settembre è in programma la settima edizione della manifestazione “i Maestri del Paesaggio” che ha come filo conduttore tematico il Cool Landscape (il paesaggio cool), inteso sia come strumento per frenare il riscaldamento climatico, sia come mezzo per creare un’atmosfera più rilassante, ma con riferimento anche alla nozione estetica di “sprezzatura” risalente al Rinascimento, quello stile distaccato e disinvolto «che non mostra la difficoltà dell’arte realizzata», che oggigiorno viene spesso abbinato al fascino e l’eleganza delle ultime tendenze della moda.
Il momento clou della manifestazione, e in particolare della sezione “Educational” coordinata dal Bergamo Landscape and Garden Institute (BLGI), saranno i due giorni di «osservatorio intensivo sul paesaggio», dal 22 al 23 settembre presso l’aula magna dell’Università di Bergamo, dell’International Meeting of the Landscape and Garden. A questo appuntamento, valido per acquisire crediti formativi professionali sia per gli architetti che per gli agronomi, interverranno 7 professionisti tra i nomi più prestigiosi dell’architettura del paesaggio e design del verde: James Basson, il garden designer inglese stabilitosi nel sud della Francia che ha vinto il premio “Best in Show” nella categoria Show Garden del Chelsea Flower Show 2017, lo svedese Thorbjörn  Andersson, Walter  Hood (Stati Uniti d’America), l’australiano Perry  Lethlean,  Michel Péna (Francia), gli italiani Filippo Piva e Antonio Presti. (Per ulteriori informazioni e prenotazioni).
Fanno parte della sezione “Educational” anche le quattro conversazioni al lavatoio di via Mario Lupo condotte da Emanuela Rosa-Clot, direttore della rivista Gardenia: “La piazza nel pallone – se il design è cool si preoccupa dell’ambiente” con il paesaggista olandese Lodewijk Baljon (7 settembre); “Gli alberi in biblioteca – fare paesaggio in città” con Giulio Arnoldi (14 settembre); “Il ritorno del paesaggio – come favorire la biodiversità nei siti estrattivi e rispettare il ciclo dell’acqua” con Angelo Monti; “I ghiacciai alpini ci parlano – che cosa succede al clima e che cosa possiamo fare per mitigarne gli effetti” con il climatologo Luca Mercalli. Da ricordare, fra le varie iniziative della sezione, il seminario del 9 settembre su “Progettare e comunicare il verde con le nuove tecnologie” (realtà virtuale, realtà aumentata, stampa 3d ecc.); il convegno “Paesaggi connessi” (fare paesaggi – in network) per promuovere il confronto fra le varie competenze tecnico-professionali interessate ai progetti di paesaggio, organizzato il 14 settembre da Aiaap (Associazione italiana di architettura del paesaggio), Cnappc (Consiglio nazionale architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori) e Conaf (Consiglio dell’ordine nazionale dei dottori agronomi e dei dottori forestali); tre appuntamenti con “l’arte terapia e il verde terapeutico” a cura dell’arte terapeuta Daniela Bertuletti e dell’agronoma paesaggista Lucia Nusiner (14, 21, 28 settembre); il seminario di arboricoltura “Radici-Albero: forme e funzioni, tra Biologia e Biomeccanica, dall'analisi integrata radici-albero alla modellizzazione” (15 settembre); seminario sui fiori e le erbacee perenni, con il contributo del famoso garden designer Noel Kingsbury, di Annie Guilfoyle, designer pluripremiata, titolare di una medaglia d’argento al Chelsea Flower Show nonché scrittrice per la nota rivista di settore Garden Illustrated, in tandem con Mauro Crescini (20-21 settembre).
“Green Design” è il progetto espositivo dedicato all’outdoor d’eccellenza realizzato nei diciotto giorni de “i Maestri del Paesaggio” in collaborazione con Gardenia: decine di location disponibili nel cuore di Bergamo Alta normalmente non accessibili al pubblico, svelano per l’occasione tutto il loro fascino. Corti, chiostri e giardini di Città Alta aprono le porte ai visitatori e accolgono le aziende del mondo outdoor – ma non solo - con allestimenti, eventi e prodotti di design capaci di dialogare con il contesto architettonico. La “Green Square” è ad ogni edizione l'allestimento di Piazza Vecchia di Bergamo, che quest’anno è ispirato al tema “cool landscape” e affidato a Lodewijk Baljon, il quale svilupperà il tema della coolness sia in senso letterale - di raffreddamento e di ombreggiatura - sia rifacendosi allo stile e all’attitudine “cool”. Dietro al nome “Green Tour” una serie di percorsi e visite guidate dal 7 al 24 settembre per scoprire le bellezze artistiche e paesaggistiche di Bergamo Alta e del circostante Parco dei colli di Bergamo. Sotto la voce “Green Eye” si raccoglie una serie di mostre e di concorsi, fra cui quello fotografico “Obiettivo sulla piazza verde e dintorni”, nonché altre iniziative quale il workshop sulla Land Art o «arte fatta con la natura» a cura del professor Jan–Erik Sorenstuen dell’Università di Agder. Infine gli appuntamenti enogastronomici di “Green Food” e gli spettacoli dal vivo di “Green Show”.

L.S.