Per i lettori di Floraviva i buoni propositi green per Gennaio

Visite: 2020


orto floraviva

La fine dell’anno si avvicina e per chi vuole cominciare a pensare ed agire verde è il momento migliore per dare una svolta alle proprie abitudini. Approfittando del mese di gennaio in cui si iniziano a seminare molti ortaggi, arbusti e alberi si può adottare o continuare accortamente uno stile di vita che conosce e rispetta l’ambiente

 
“Gennaio asciutto, grano dappertutto”, un clima asciutto e ventoso in questo mese favorisce infatti lo sviluppo del frumento. In campagna si arano i terrenti pesanti per esporli all’azione del gelo e si ripuliscono dai sassi, dalle radici e dai corpi estranei, saliti in superficie. Chi possiede un frutteto, invece, prepara il proprio terreno per gli impianti primaverili e interra i concimi organici, eseguendo poi la potatura di meli, peri e susini. Un gran fermento anima il freddo mese  e noi possiamo imitare  l’alacre lavoro degli agricoltori per dare vita a un nostro orto personale: a gennaio possiamo impiantare le asparagiaie o seminare agretti, carote, cipolle, ravanelli, finocchi, lattughe, prezzemolo, sedano, bietola da coste e da taglio. Chi aveva già seminato nel proprio orto a gennaio potrà raccogliere bietole, cavolfiori, cavolo cappuccio, nero e verza, cavolini di Bruxelles, porri, radicchio, ravanelli, sedano rapa, spinaci e topinambur. In giardino, invece, si termina la piantagione delle fioriture primaverili-estive, si piantano rosai, cespugliose, arbusti e alberi. In tepidario si seminano in cassette le begonie semperflorens, coleus, salvia splendens, cosmos, tagetes, gerbera, aster e verbena. Anche i produttori di vino hanno il loro da fare: nei vigneti si controllano le strutture e, verso fine mese, si iniziano i trattamenti antiparassitari. In cantina ci sono da controllare le colmature e cominciare i travasi del vino. 
Redazione Floraviva